Varese

Lega Nord, finito Bossi e sfiduciato Canton

Canton insieme ad Umberto Bossi

La segreteria Maurilio Canton è finita. Ed è finita, non appena il Senatur Umberto Bossi è uscito di scena. Canton, il segretario eletto nel famoso congresso della Lega Nord di Varese dove avvenne la prima, storica contestazione a Bossi, è stato sfiduciato dalla maggioranza del direttivo provinciale. Dopo la metamorfosi del Carroccio in un partito romano, dimenticando la propria diversità, ora si assiste ad una notte dei lunghi coltelli, dove i conti tra maroniani e bossiani vengono chiusi una volta per tutte.

Maurilio Canton, il segretario che è stato insediato grazie al pesante parere di Bossi, messo nel mirino dal primo momento dai maroniani, è stato sfiduciato all’indomani dell’uscita di scena del fondatore della Lega. Dieci componenti su 16 del direttivo provinciale hanno inviato la richiesta di sfiducia nei confronti di Canton al segretario nazionale della Lega Lombarda Giancarlo Giorgetti. Una richiesta sottoscritta da Cavallin, Borghi, Cassani, Parolo, Bassini, Baroffio, Tomassini, Caielli, Lazzarini, Tonazzo.

6 aprile 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Lega Nord, finito Bossi e sfiduciato Canton

  1. Pin Girometta il 7 aprile 2012, ore 15:31

    Mi aspetto che mettano un’auto della Guardia di Finanza dietro i ciclisti padani alla Rotonda di Buguggiate. Per aggiornare la situazione. Con l’ulteriore vantaggio di rallentare il traffico in entrata dall’autostrada. … Piu’ sicurezza per tutti!

Rispondi