Gemonio

Bossi: “Roma ladrona ha mandato i magistrati”

Umberto Bossi

Un Umberto Bossi complottista, il giorno dopo le dimissioni da segretario, sulla porta della sua casa di Gemonio, è diretto. “La faccenda puzza”. Poi aggiunge: “Siamo nemici di Roma padrona e ladrona, dell’Italia, uno Stato che non riuscirà mai a essere democratico”. Ribatte: “Roma ladrona e farabutta ci ha mandato i magistrati”. Dietrologie e sospetti vengono evocati da Bossi, come è sempre accaduto nel caso di inchieste, in passato, su altri partiti. Nulla di diverso dalla migliore tradizione berlusconiana.

Il terremoto Belsito e dintorni torna nelle parole dell’ex segretario del Carroccio. Un caso fatto scoppiare “nel timore che noi sequestrassimo i voti del nord. A Roma l’unica cosa che pensano è sopravvivere con i soldi del nord”.

Poi Bossi spende una parola per il figlio Renzo: “Mi ha fatto vedere le prove che l’automobile l’ha pagata lui”. E quanto alla ristrutturazione della villa di Gemonio pagata con i fondi lumbard: ”È falso”. Poi aggiunge: “hanno sbagliato a rifare un balcone che perdeva acqua e abbiamo chiamato uno della Lega bergamasca che non ha mandato fattura”.

6 aprile 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti a “Bossi: “Roma ladrona ha mandato i magistrati”

  1. Secondino Tranquilli il 6 aprile 2012, ore 17:30

    Lega ladrona la gente non perdona…altro che complotti

  2. Euclide il 6 aprile 2012, ore 22:18

    Tutti i quotidiani riportano i verbali con la trascrizione delle telefonate di Belsito con segretarie varie di Bossi e della Lega. Basta leggerli. Ci sono cifre esatte, si parla di Riccardo Bossi, del Trota, dei soldi A Rosy Mauro e alla Scuola Bosina. Sul giornale Il Fatto Quotidiano c’è il virgolettato completo delle telefonate. Sui fatti non si discute, come sulle somme che neanche l’ex ministro Castelli, della Lega, era riuscito a farsi dare. Sul fatto che siano partiti per sanzionare la Lega, dura nell’opposizione a questo meledetto governo che esenta dall’IMU le fondazioni bancarie, beh, puo’ anche essere. Non son leghista, non rido affatto.

  3. Roy1 il 7 aprile 2012, ore 09:49

    forse sarebbe bene ricordare che le indagini sono partite dall’esposto di un militante leghista, forse stanco di vedere “stranezze” da quando la Lega era saldamente al governo, con tutti, e non solo Bossi, tranquillamente seduti al tavolo imbandito di Roma

  4. Nicola il 20 aprile 2012, ore 09:09

    Se Bossi stesse zitto, credo farebbe davvero miglior figura…….più cerca di difendersi (excusatio non petita, accusatio garantita) maggiormente dimostra tutte le contraddizioni che lui, per primo, ha generato con la totale mancanza di politica.

Rispondi