Varese

Pascoli, varesini a lezione da Barberi Squarotti

Da sinistra, Silvio Raffo e Giorgio Barberi Squarotti

Lezione molto tradizionale e piuttosto noiosa, quella che si è svolta alla Sala Montanari di Varese, dedicata al poeta Giovanni Pascoli ad un secolo dalla sua morte. Un appuntamento organizzato dal Liceo classico Cairoli di Varese, in collaborazione con il Comune di Varese, che ha visto sul palco Silvio Raffo, poeta e critico, scrittore e drammaturgo, insieme al professor Giorgio Barberi Squarotti, critico letterario, che è stato invitato per proporre una lezione sul grande poeta.

Una sala affollata soprattutto di liceali, silenziosi e attenti, ma dove non mancavano neppure alcuni poeti varesini: oltre a Silvio Raffo, erano seduti in platea Giovanni Zappalà, Chiara Bazzocchi Rolih, Rita Clivio, Andrea Sempiana. In prima fila era seduto un poeta laureato come Fabio Scotto.

Prima di dare la parola a Barberi Squarotti, Silvio Raffo ha ricordato propri articoli pascoliani pubblicati sul numero in edicola di “Poesia”, la bella rivista pubblicata da Crocetti, e ha dato lettura di alcune poesie di Pascoli, tra cui la famosissima “L’aquilone”. Poesie recitate con tono leggero, molto gozzaniano dall’inarrivabile Raffo. Poi Barberi Squarotti è partito con la sua colta “lectio magistralis” dedicata all’autore di San Mauro, ricca di citazioni e di confronti con altri autori, come D’Annunzio e Carducci.

3 aprile 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Pascoli, varesini a lezione da Barberi Squarotti

  1. abramo il 3 aprile 2012, ore 10:30

    un po’ difficile da tener vivo il “fanciullino” che è in noi…

Rispondi