Milano

Fondazione Fiera, confermato vertice. Anche Fontana

La fiera di Rho

Il consiglio generale di Fondazione Fiera Milano, presieduto da Giampiero Cantoni, ha esaminato il progetto di bilancio 2011 di Fiera Milano Spa, che chiude con un utile netto di euro 8,8 mln di euro, ed una previsione di proposta di destinazione dell’utile ad un dividendo di 0,20 euro. Il consiglio generale della Fondazione ha inoltre designato la lista per gli organi sociali di Fiera Milano SpA.

In dettaglio, per il cda di Fiera Milano SpA per gli esercizi 2012-2013-2014: Michele Perini (designato presidente), Roberto Mario Baitieri, Renato Borghi, Attilio Fontana, Giampietro Giuseppe Omati, Enrico Pazzali (come ad), Pier Andrea Chevallard, Romeo Robiglio, Michele Motterlini. Per il collegio sindacale: Stefano Mercorio, Alfredo Mariotti, Damiano Zazzeron (effettivi); Antonio Guastoni, Pietro Michele Pensato (supplenti).

“Questo progetto di bilancio e questa designazione ampiamente condivisa da parte del consiglio generale di Fondazione dei nuovi organi societari di Fiera Milano SpA – dichiara in una nota il presidente Gianpiero Cantoni – sono il frutto di un mandato triennale che si e’ concluso con un significativo risultato economico che consente a Fiera Milano di essere piu’ competitiva ed efficiente, pronta a rispondere alle sfide sempre piu’ impegnative di un sistema fieristico globale che impone un adeguamento costante dei modelli di business.

“Con il sostegno – anche attraverso il Fondo Anticrisi – della Fondazione nel ruolo di azionista di maggioranza, rispettoso dell’autonomia societaria e nell’interesse di tutti gli azionisti istituzionali e privati, ma coerente con le proprie principali finalita’ statutarie di promozione e di incremento in Italia e all’estero dell’organizzazione di manifestazioni fieristiche, Fiera Milano ha affrontato e condotto in porto con successo una politica di ristrutturazione e di efficienza organizzativa, un’efficace azione strategica anche con il maggiore orientamento internazionale, un potenziamento verso la best practice della corporate governance”.

31 marzo 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi