Varese

Studenti su due ruote in una Varese per le auto

Un momento della manifestazione di questa mattina

Folta partecipazione, questa mattina, all’iniziativa “Share the Road”, promossa da Fiab-Ciclocittà e Legambiente, con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Varese. Tanti i ragazzi delle scuole medie, con i loro genitori e gli insegnanti, circa 500, che hanno partecipato alla 15a Pedalata di Primavera “A scuola in bicicletta”. Una bella sfida davvero, considerato che la città di Varese è una città ad alto tasso di traffico veicolare, praticamente senza piste ciclabili, che da giorni continua a sfondare il tetto consentito dalla legge del Pm10. Insomma, una città nemica di pedoni e due ruote, e fatta a misura delle auto.

Resta comunque, la manifestazione di questa mattina, un modo per sensibilizzare i ragazzi delle scuole su un modo diverso, pur non agevolato dai nostri amministratori locali, di vivere la città e la mobilità in essa. Con orari di partenza (e poi di arrivo) diversi, gli studenti provenivano dalla Anna Frank, dalla Manfredini, dalla Salvemini, dalla Righi, dai Salesiani A.T. Maroni, dalla Pellico, dalla Vidoletti, dalla Dante Alighieri. Tutti sono convenuti, con le loro biciclette, nella centralissima Piazza Monte Grappa, dove è stato premiato uno studente in rappresentanza di ogni scuola presente.

Ai partecipanti le associazioni che hanno organizzato l’iniziativa hanno distribuito un pieghevole che proponeva alcuni suggerimenti per “pedalare in sicurezza”. Rispetto del codice della strada, attenzione alle regole, ma anche la sottolineatura della necessità di utilizzare casco e tenere in efficienza la bici, tutto ciò è senza dubbio importante, ma risulta piuttosto aleatorio in una città dove manca un Piano della mobilità, dove il trasporto pubblico è scarso, dove l’unico problema dell’amministrazione pare essere i parcheggi per le auto.

A rappresentare il Comune, ha preso la parola l’assessore ai Servizi sociali, Enrico Angelini, che ha ammesso: “la nostra città è faticosa per chi usa la bicicletta. Certamente però chi ha qualche anno in più può utilizzare la bici con la pedalata assistita. Resta il fatto che la bici è il mezzo più ecologico per muoversi in città”. Ad Angelini ha fatto eco Leonardo Savelli, che per gli organizzatori ha detto che “ogni giorno dobbiamo prenderci i nostri spazi, rispettando gli altri e facendoci rispettare. Le ciclabili olandesi sono il nostro sogno”.

24 marzo 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi