Varese

Pdl Varese: il Pd è diventato portavoce dell’antipolitica

Il Pdl di Varese critica la mobilitazione targata Pd contro Formigoni e la sua maggioranza al Pirellone. E lo fa attraverso le parole di due esponenti provinciali del Popolo della libertà, Paolo Aliprandi e Luca Marsico. 

“Mi stupisce che i consiglieri Alessandro Alfieri e Stefano Tosi abbiano lanciato la campagna elettorale puntando su aspetti che confondono vicende personali giudiziarie con criteri politici. Una presa di posizione che cede al sentimento dell’antipolitica. La serietà vorrebbe che il giudizio su come è stata amministrata la Lombardia fosse in termini di contenuti. Un giudizio inequivocabilmente positivo, visto che la Regione offre i migliori servizi, a cominciare dall’eccellenza sanitaria, a costi inferiori per i cittadini. Un modello di efficienza unanimemente riconosciuto e suffragato dai dati. Non dimentichiamo poi che questo modello è stato scelto più volte mediante l’espressione del voto dai cittadini lombardi e questo non è un fatto indifferente da non considerare solo per speculazione politica”, afferma Paolo Aliprandi, vice coordinatore vicario provinciale del Pdl.

“Rispetto alle vicende di queste settimane non può esistere un garantismo a corrente alternata. La presunzione di innocenza dovrebbe valere sempre e per tutti, nel rispetto della Costituzione che riconosce tre gradi di giudizio a tutela dei cittadini – ribadisce anche Luca Marsico, vice coordinatore provinciale azzurro -. E’ un errore seguire un giustizialismo opportunistico per meri fini elettorali come stanno facendo alcuni consiglieri della sinistra varesina. Anche perché, se volessero essere coerenti fino in fondo, dovrebbero guarda anche a ciò che accade in casa loro”.

24 marzo 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi