Varese

Per un giorno Varese è diventata capitale della poesia

La mitica TCR (Tiziana Cera Rosco)

Ieri Giornata mondiale della poesia proclamata dall’Unesco ha registrato il successo delle iniziative programmate a Varese. Un fatto che conferma come la città giardino sia un terreno fertile per la cultura e, più in particolare, per la poesia, anche se spesso questo valore aggiunto viene dimenticato dal Comune di Varese, che sembra pensare alla cultura come una Cenerentola. Eppure, e nonostante tutto, gli eventi legati alla poesia hanno registrato un ottimo risultato.

Due manifestazioni, in particolare, hanno registrato un ottimo risultato. Pienone al Centro Gulliver per il reading dedicato alla grande Alda Merini, un evento organizzato dalla dinamica associazione “Estro-versi” di Sara Pennacchio, che ha proposto un percorso attraverso l’opera della poetessa, con letture messe in scena da poeti, attori e musicisti. La “Sala delle Carrozze” si è subito riempita  e ha confermato l’apprezzamento dei varesini per manifestazioni come questa. Giovani interpreti si muovevano nello spazio suggestivo del Gulliver, rimarcando con i loro movimento e i loro corpi una poesia molto fisica, terrena, ricca di vitalità.

Significativo successo anche per il primo Poetry Slam organizzato da abrigliasciolta presso il Twiggy. Qui i poeti, con la partecipazione di “star” della poesia di oggi, si sono affrontati a colpi di versi, con performance che hanno ricevuto il voto della giuria composta dal pubblico seduto in sala. A condurre la lunga serata il performer Lello Voce, che sul palco incitava, provocava, incoraggiava, se la prendeva con qualche giurato un po’ troppo lento. A prevalere, al termine della “disfida”, il sassarese Sergio Garau, che è riuscito a battere in volata anche l’irruente (e provocatoriamente anti-lumbard) reggiano Stefano Ruspini e l’olimpica Tiziana Cera Rosco. Tra i varesini, usciti dopo il primo round il bravo Marco Tavazzi e la convincente Antonella Visconti, mentre è arrivato in finale il giovane TT-pz. A premiare il vincitore Margherita Giromini, a nome dei soci Coop.

- FOTOGALLERY

22 marzo 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Per un giorno Varese è diventata capitale della poesia

  1. ombretta diaferia il 22 marzo 2012, ore 20:07

    “Per un giorno Varese è diventata capitale della poesia”
    è un titolo che piace un sacco ad una sognatrice da “imagine all the people”!

Rispondi