Varese

Catena umana, no al razzismo senza se e senza ma

Un momento dle flash mob

Puntualissimi gli studenti e gli insegnanti delle 17 scuole della nostra provincia all’evento della Giornata Mondiale contro il Razzismo, proclamata dalle Nazioni Unite e organizzata dall’Unar (Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali). Organizzata per la prima volta a Varese, la catena umana dei ragazzi delle scuole, che portavano sulle t-shirt lo slogan “No a tutti i razzismi”, ha incontrato qualche problema inizialmente: tantissimi i ragazzi, che sono stati disposti dagli organizzatori attorno alla fontana. Un lavoro difficile, al quale Alessandra Pessina, responsabile Uisp Varese, ha partecipato insieme ai suoi collaboratori.

Con qualche minuto si è formata la catena umana per dire no a tutte le forme di discriminazione e di razzismo, una mobilitazione molto sentita nelle scuole che hanno partecipato, dove spesso il tema viene approfiondito grazie all’impegno delle scuole e degli insegnanti. Presenti in piazza anche i rappresentanti delle associazioni che fanno parte del Coordinamento Migrante, che hanno distribuito in piazza materiale e volantini sugli argomenti al centro della giornata.

Oltre ai 600 ragazzi che si sono presentati in piazza, e che dopo la catena umana hanno ascoltato musica e gli interventi delle associazioni, l’evento ha visto l’intervento Unar, Provincia e Comune di Varese,Ufficio scolastico provinciale, Arci provinciale e tutte le associazioni del Coordinamento Migrante.

21 marzo 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi