Regione

In arrivo 1155 alberi mangia-smog nel Varesotto

Un momento della piantumazione con il sindaco di Busto Farioli

Parole d’ordine chiare e semplici: aumentare il verde, fare diminuire lo smog e riqualificare il patrimonio edilizio esistente, senza intaccare ulteriormente la risorsa suolo. Questi i messaggi inviati oggi, con la piantumazione delle prime essenze che rientrano nel progetto ’2500 alberi per le nostre città’, realizzato da Regione Lombardia con l’Ersaf (Ente regionale per i servizi all’agricoltura e alle foreste), guidato da Roberto Albetti, e il Lions club Distretto 108 Ib 1, presieduto da Danilo Francesco Guerini. Protagonista d’eccezione della mattina l’assessore regionale ai Sistemi verdi e Paesaggio Alessandro Colucci, che ha personalmente dato il via ai lavori.

“Un progetto – ha sottolineato Colucci nella tappa di Busto Arsizio, dove era presente anche il sindaco Gigi Farioli – che si inserisce nell’agenda annuale di promozione del verde e delle aree protette, che prevede, tra le altre cose, un punteggio maggiore, nei bandi regionali per creare esercizi commerciali, per gli interventi che si realizzano andando a riqualificare aree dismesse senza intaccare la preziosa risorsa del suolo”. Diverse le tappe odierne. Con le piantumazioni prima a Parabiago (Mi), presso l’albergo del Nonno, e poi, nel Varesotto, in via del Lavoro a Busto Arsizio, al parco Buongesù a Castellanza e alla scuola media ‘Alighieri’ di Marnate, il progetto diventa operativo e porterà alla messa a dimora di 1.155 alberi nella sola provincia di Varese, interessando 70 Comuni: 607 nelle province di Milano e di Monza e Brianza, 407 in provincia di Como, 335 in quella di Lecco e altri 250 in provincia di Sondrio.

“Iniziamo la piantumazione – ha ricordato l’assessore Colucci – di 2754 alberi, provenienti, eccezion fatta per quelli che interesseranno la provincia di
Sondrio, dal centro forestale e vivaistico curato dall’Ersaf a Curno (Bg). Si tratta di latifoglie autoctone della Lombardia come querce, faggi, betulle e frassini, che andranno ad abbellire il paesaggio dei Comuni interessati e, come nel caso di Busto Arsizio, a completare un intervento di riqualificazione
attuato dall’Amministrazione comunale. Si tratta di un intervento che va ad accrescere i 450.000 ettari di aree verdi e boschive”. “Con le piantumazioni di oggi e con l’affidamento degli alberi ai vari Comuni – ha aggiunto l’assessore – aumentiamo le nostre aree verdi e promuoviamo, anche attraverso i giovani e il mondo associativo, una politica attenta alla tutela dei nostri boschi, che rappresentano una ricchezza di tutti e per tutti”.

Centrali, nell’operazione che da oggi entra bel vivo, i temi della difesa ambientale e dell’impegno della Regione Lombardia a preservare
la risorsa suolo sempre più preziosa e continuamente minacciata da azioni speculative. “Anche oggi – ha concluso Colucci a Marnate, ricevendo il plauso del sindaco Celestino Cerana per l’impegno profuso in questa direzione – dimostriamo nei fatti che Regione Lombardia non fa
tutela del territorio e della salute dei cittadini solo a parole, ma pone sul piatto fatti concreti. Oggi piante capaci di ridurre lo smog, nei giorni scorsi abbiamo inaugurato a Monza un impianto di ricarica veloce per le auto elettriche: tutte misure che vogliono salvaguardare il nostro ambiente e garantire la salute dei cittadini lombardi, incentivandoli a fruire delle nostre aree verdi, boscate o protette che siano che, grazie anche a questo intervento, sono oggi più belle”.

18 marzo 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi