Varese

Case, Moroni (Lega): Comune garante verso i proprietari

Emergenza-casa, un problema che sarà al centro del confronto in giunta sul fronte del bilancio di previsione. Ieri sera, in Commissione Servizi Sociali, l’assessore Enrico Angelini, ha definito la questione-casa “uno dei capisaldi della politica della giunta”. Un tema caldo su cui interviene anche il lucido capogruppo della Lega Nord, Giulio Moroni. 

“Esistono centinaia di alloggi sfitti in città; non tutti belli e neppure tutti brutti, ma liberi perchè la richiesta è diminuita e l’offerta è aumentata dopo anni in cui si è costruito senza un progetto concreto che tenesse conto dello sviluppo della città, ma al solo fine di speculare sul mercato immobiliare al tempo fiorente”, dice Moroni.

“A questo punto – prosegue l’esponente leghista – la proposta è quella che il Comune si faccia garante verso i proprietari che intendono locare a chi ne ha bisogno, ovviamente a canone convenuto, mettendo a disposizione un importo che coincida con sei mensilità che verranno versate al proprietario nel solo caso in cui il conduttore si dovesse rendere moroso nel pagamento e ciò al fine di diminuire il danno in attesa della liberazione dell’appartamento conseguente allo sfratto”.

Ma non finisce qui. Continua Moroni: “Nel frattempo si dovrebbe lavorare su due fronti: il primo per una graduatoria dei bisognosi e meritevoli di questo “aiuto” del Comune (che non può garantire tutti a prescindere perchè sarebbe una politica insana); il secondo “coinvolgendo” il Tribunale di Varese affinchè si possa avere un percorso “privilegiato” per le cause di sfratto per morosità intentate dai proprietari che locano secondo questa tipologia di accordo con l’amministrazione”.

“Ciò non significa che le norme procedurali possano essere bypassate – dichiara Moroni – perchè ciò non sarebbe possibile, ma più che altro per fare in modo che queste procedure non subiscano rinvii d’ufficio o ritardi per effetto di trasferimenti di magistrati o altro; non so se ciò sia possibile però se ne può parlare”.

Conclude il capogruppo leghista: “Sul piano della spesa si dovrà lavorare sul bilancio per lo stanziamento di una somma a copertura del progetto. Sono sicuro che il proprietario di alloggio sfitto possa convincersi che forse è meglio portare a casa qualcosa piuttosto che nulla (aldilà di valutazioni etiche e morali del tutto personali)”.

15 marzo 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Case, Moroni (Lega): Comune garante verso i proprietari

  1. roberto molinari il 16 marzo 2012, ore 08:51

    Bravo Giulio. Buona proposta. Devo dirti che però non capisco perchè allora il 26 gennaio 2011 la maggioranza, Lega compresa, votò contro una mozione da me presentata che andava in maniera organica proprio in questa direzione.
    Se i lettori hanno pazienza possono trovare sul mio sito alla voce “piano affitti” il testo, testo che il pd ha inserito poi nel programma di 46 pagine presentato nel corso della campagna elettorale.

Rispondi