Varese

Lega nella bufera: delegati da rieleggere? Sì, no, ni

Lega Nord varesina nella tempesta. Dopo il caso del presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Davide Boni, messo sotto inchiesta, ora è Varese che torna al centro dell’attenzione. Domenica scorsa venivano eletti, nella sezione cittadina del Carroccio, i delegati che dovevano partecipare al congresso nazionale in programma per i primi tre giorni di giugno.

All’apertura delle urne, però, ci si è accorti che le schede superavano il numero dei votanti a questa elezione: 331 schede contro 329 votanti. Un caso che ha subito messo in allarme i vertici del partito. A Varese si è parlato subito di irregolarità e di elezione dei delegati con qualche ombra.

Questa mattina il partito di Bossi varesino pareva avere scelto la linea dura. Era infatti uscita la notizia che il segretario regionale Giancarlo Giorgetti avrebbe deciso di annullare l’elezione e di ripeterla, probabilmente l’1 aprile. Una presa di posizione perentoria, che ammetteva le irregolarità e faceva ripetere la scelta dei delegati. Ma nel pomeriggio l’ex ministro degli Interni, Roberto Maroni, ospite a Varese dell’Università dell’Insubria per una lezione sulla comunicazione politica, si è espresso in maniera diversa. “Annullare l’elezione? Nessun annullamento, si sta semplicemente svolgendo una verifica”.  

A questo punto è forte l’imbarazzo e l’incertezza: non si capisce cosa accadrà. Certamente questo si conferma un momentpo di grandi difficoltà per il Carroccio, che viene investito da polemiche e divisioni.

13 marzo 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi