Varese

Legambiente: no parcheggi Villa Augusta e Sacro Monte

Legambiente interviene nel dibattito cittadino sui parcheggi. “Differenziare il costo dei posteggi è una decisione condivisibile, che può favorire la mobilità sostenibile. E Varese non sarebbe la prima a prenderla”.

Il circolo di Legambiente di Varese prende posizione sul possibile aumento del costo dei parcheggi in centro. Lo fa senza entrare nella polemica politica e nei dettagli della scelta (diminuzione della tariffa in periferia oppure aumento nell’area centrale), ma provando ad allargare il discorso.

“Disincentivare l’uso dell’auto significa ovviamente molto più di questo. Pensiamo al sostegno al trasporto pubblico ed all’utilizzo delle biciclette, a interventi di moderazione del traffico, alla creazione di parcheggi di interscambio, all’estensione dell’area pedonale. Confidiamo di poterne discutere nel merito nei prossimi mesi, che saranno decisivi per la definizione del futuro della città.”

L’associazione ambientalista affronta anche la questione economica: “Siamo consapevoli che gli Enti locali hanno bisogno di soldi. Per questo suggeriamo di ripensare ad alcuni progetti costosi per le casse comunali e inutili se vogliamo sostenere un modello diverso di mobilità. Per esempio il parcheggio a Villa Augusta e quello al Sacro Monte.”

10 marzo 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Legambiente: no parcheggi Villa Augusta e Sacro Monte

  1. ombretta diaferia il 10 marzo 2012, ore 22:07

    Penso che l’aumento delle tariffe sia un ottimo deterrente per non far circolare inutilmente le auto in centro.
    Penso anche che sia scandaloso discutere e contrastare/sostenere alcuni interventi e non altri.
    Legambiente sostiene il progetto del parcheggio intermodale di Via Daverio?
    Utilissimi 60 posti auto vs 20 alberi abbattuti e neppure il diritto di difendersi dallo smog nelle finestre di camere e cucine…
    Ma cosa contano una ventina di famiglie che si son perse il loro boschetto vitale davanti a 60 parcheggi che risolvono il problema della città (o dei pendolari a secondo di chi parla!)?

Rispondi