Varese

Movida, il Pd Infortuna propone tavolo tra le parti

Si infittiscono le voci e le dichiarazioni sulla movida varesina. In particolare il confronto si sta sviluppando tra i consiglieri più giovani presenti tra i banchi del Consiglio comunale, in maggioranza e all’opposizione.

Dopo la presa di posizione del consigliere pidiellino Giacomo Casentino, ora interviene il Pd. Prende posizione il consigliere Comunale del Partito Democratico di Varese, Giampiero Infortuna, il quale, riconoscendo grande rispetto al lavoro delle forze dell’ordine, sostiene la necessità di poter permettere ai giovani lo svolgimento di serate senza la presenza di continui controlli.

“In ragione di ciò – afferma il Pd Infortuna – credo debba essere data a ciascuno di noi la possibilità di svagarsi liberamente, nei limiti della legalità e dell’etica ”. In questi giorni è stata avanzata la richiesta, da parte del Pdl e, in particolare, da parte del Consigliere Cosentino, di un maggiore dialogo tra l’amministrazione comunale e le numerose realtà varesine promotrici di eventi e serate. “E’ giusto – continua Infortuna – che i consiglieri più giovani, che maggiormente riescono a comprendere e intercettare i bisogni e le tendenze delle attuali generazioni , si facciano garanti del diritto al divertimento. Ma quale tipo di politica ha effettivamente intenzione di mettere in campo il consigliere Cosentino e il suo partito? La spada di Damocle pende oramai sulla movida varesina da molto tempo; quali, in concreto, le soluzioni che intende attuare il Pdl?”. Interrogativi che sorgono spontanei a seguito degli eventi che hanno coinvolto recentemente molti locali esposti a controlli.

Il consigliere Infortuna propone una campagna di sensibilizzazione nei confronti degli stessi gestori, che devono mettere in atto tutte le misure necessarie per garantire un divertimento sano e nel contempo sicuro nei confronti dei fruitori, come, fra tutte, la richiesta obbligatoria della carta d’identità al momento della somministrazione di alcolici e un controllo decisamente più vigile all’ingresso dei locali. “Infine – chiosa Infortuna- in qualità di membro della commissione cultura e attività ricreative, credo sia fondamentale istituire una serie di incontri tra l’amministrazione comunale e i portavoce delle realtà maggiormente rappresentative della movida varesina, per un confronto diretto e costruttivo, che possa portare a una soluzione comune e condivisa sul piano dell’organizzazione di eventi, mantenendo così vivi il talento e l’inventiva della nostra città.”

9 marzo 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi