Varese

Mirabelli (Pd): parcheggi, il bancomat della giunta

Presa di posizione del capogruppo Pd in Comune, Fabrizio Mirabelli, sull’annosa questione dell’aumento delle tariffe dei parcheggi cittadini.  Dichiara Mirabelli: ““I Comuni sono in mutande” – come – spesso – ama dire il sindaco Fontana. A causa del taglio dei trasferimenti dello Stato e dell’obbligo di rispettare il patto di stabilità. Tuttavia, aumentare, nuovamente, le tariffe dei parcheggi per ottenere maggiori entrate annue rischia solamente di mettere ancora più in difficoltà le famiglie varesine duramente colpite dalla crisi economica”.

“Soprattutto se si pensa che la maggioranza di centrodestra – prosegue l’esponente Pd -, in venti anni di governo della città, non ha saputo fare nulla in tema di mobilità. Grazie al fiume di denaro entrato dal servizio sosta nelle casse comunali, dal 1992 al 2012, si sarebbero potuti, ad esempio, realizzare alcuni fondamentali parcheggi di interscambio agli ingressi cittadini rappresentati dagli assi viari principali, così come prevedeva il Piano Urbano dei Parcheggi, (prima che ne fosse capovolta la filosofia nel 2003) puntando, decisamente, sul potenziamento del trasporto pubblico”.

Conclude Mirabelli: “il Piano Urbano dei Parcheggi, il Piano Urbano del Traffico, il Piano Urbano della Mobilità, sono stati, colpevolmente, dimenticati, per anni, in qualche polveroso cassetto. Ora, in attesa della redazione del PGT, sarebbe meglio che l’Amministrazione Fontana rinunciasse a politiche tese unicamente a “spremere” i cittadini, utilizzando i parcometri come bancomat della Giunta. Tanto più che tale scelta risulta ingiustificabile di fronte alla comprovata incapacità dell’Amministrazione di accedere a fondi europei tramite una pianificazione di medio e lungo periodo”.

9 marzo 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi