Varese

La banda ultra-larga in arrivo a Varese

C’era una volta Socrate. Un progetto targato Telecom che portò a Varese confusione e disagi, strade scoperte e cantieri, ma che poi non giunse mai in porto. Il cablaggio per la banda larga fu abbandonato perchè troppo costoso e divenuto obsoleto ancor prima di essere terminato. Ora Varese ci riprova, e ci riprova con quella che viene chiamata banda ultra-larga.

Il progetto parte dal Pirellone e coinvolge, in via sperimentale, tre città-campione tra cui Varese (le altre due sono Cremona e Monza). Un passaggio fondamentale di un progetto targato Regione Lombardia, che ha stretto un accordo di collaborazione con due colossi della fibra ottica e del mondo imprenditoriale – Metroweb e F2i – al fine di avviare su vasta scala la diffusione della banda ultra larga. Un modo per collegarsi ad Internet in maniera super-veloce. Per fare un esempio: se ora si possono inviare 12 fogli al secondo, con questo nuovo progetto se ne inviano 100, nello stesso tempo e ad alta definizione.

In Comune a Varese si sta lavorando alacremente al progetto. Un progetto che non sarà a spese del Comune, ma degli operatori privati. La fase sperimentale si svilupperà in una zona centrale di Varese e prevede un parco utenti che comprende 500 potenziali utenti commerciali o abitazioni, almeno una farmacia (per sperimentare iniziative di telemedicina) e almeno una scuola (per verificare iniziative nel campo della didattica). Un progetto che partirà se la Regione verificherà che esista un interesse da parte di utenti e di aziende. Sarà questa la condizione perchè gli operatori privati attivino le fibre ottiche capaci di supportare un Internet super-veloce.

7 marzo 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “La banda ultra-larga in arrivo a Varese

  1. nick il 17 marzo 2012, ore 02:39

    E’ SCANDALOSO CHE NON CI SIA UN SERVIZIO DI INTERNET VELOCE A VARESE!!!!!

    MI FA CAGARE VIVERE IN QUESTA CITTA”!!! NON MI FUNZIONA NEANCHE L’APPLE TV!!!

    FATE SCHIFO IN ITALIA IO DOMANI VADO A PROTESTARE IN COMUNE

Rispondi