Sport

Debutta I Patrini, squadra di baseball per non vedenti

Foto di gruppo. In primo piano Adele Patrini

Una squadra di campioni molto speciali debutta nel baseball: sono I Patrini, nuova squadra composta da atleti non vedenti, che questa mattina ha debuttato a Villa Recalcati. Uno sport che ha un suo Campionato, e che può essere giocato da non vedenti grazie a sistemi sonori contenuti nella palla. Fino all’anno scorso le squadre italiane erano otto (Thunder’s Five Milano, Cvinta Ravenna, Fiorentina BXC, Lampi Milano, Bologna White Sox, Aquilone Red Sox, Roma BXC, Tigers Cagliari), ora, I Patrini, diventano nove. La prima partita ufficiale della nuova squadra è in programma per il 17 marzo. Alla squadra ha dedicato un breve documentario Roberto Bof, che è stato presentato oggi a Villa Recalcati.

La squadra è stata presentata da Adele Patrini, che della compagine sportiva, con sede a Malnate, è la presidente, mentre il Capitano è Gaetano Marchetto. A festeggiare la squadra l’assessore allo Sport provinciale, Martignoni, e Origlio, presidente del Coni Varese. Naturalmente non poteva mancare neppure la professoressa Angela Mazzetti, Presidente Unione italiana ciechi e ipovedenti Varese, la quale ha rimarcato come lo sport sia un canale fondamentale per l’integrazione nella vita sociale. Ha testimoniato il suo entusiasmo per l’iniziativa in campo sportivo anche Daniela Colonna Preti, presidentessa della Polha Varese, da sempre impegnata sul fronte dello sport disabili.

La nuova squadra si colloca in un filone già sviluppato in Italia, che è stato ripercorso da Alberto Mazzanti, presidente della Associazione Italiana di Baseball Giocato da Ciechi, che ha ricordato come questo gioco sia partito nel 1993, quando a Bologna Alfredo Meli pensò di dare vita ad un baseball che potesse essere giocato da disabili. Ai primi atleti vennero prima insegnate le regole del baseball in quanto tale e poi fu insegnato il baseball per ciechi. Una disciplina sportiva che oggi conta in Italia, I Patrini compresi, ben nove squadre.

3 marzo 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi