Varese

Si chiama B&B il futuro del turismo a Varese

Un momento del convegno a Villa Recalcati

Significativo successo quello registrato questa mattina dal convegno “B&B un’opportunità per valorizzare il territorio”, che si è svolto nella sala convegni di Villa Recalcati. Una manifestazione che è stata organizzata da Aigo Varese (Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa) affiliata a Confesercenti, che comprende anche gli aderenti dell’Associazione dei Bed and Breakfast della provincia di Varese, e dall’Agenzia del Turismo. All’interessante iniziativa hanno partecipato un centinaio di titolari di B&B e di potenziali nuovi esercenti in questo genere di ospitalità improntata sull’accoglienza di tipo famigliare.

Tra gli interventi istituzionali quelli del presidente provinciale di Aigo Alfredo Dal Ferro, del presidente di Assoturismo Iljic Cesca, dell’Assessore provinciale al Turismo Francesca Brianza, del direttore dell’Agenzia del Turismo, Paola Della Chiesa, che hanno sottolineato il notevole incremento dei B&B nel Varesotto a vantaggio di una ricettività sempre più diffusa e accogliente nel territorio varesino ma anche le molte problematiche che i gestori di questo genere di servizio devono affrontare.

Quesiti che hanno occupato una buona parte degli spazi riservati alla discussione a cui ha cercato di dare risposta Angelo Zito del comparto Turismo e Servizi della Regione Lombardia illustrando gli snodi più importanti della normativa turistica generale sui B&B e il nuovo diritto del turista. Tuttavia, alcuni problemi rimangono ancora aperti come l’obbligo di servire solo le prime colazioni con alimenti confezionati e sigillati o al massimo riscaldati senza alcun tipo di manipolazione che escluderebbe tassativamente la proposta di prodotti tipici o casalinghi.

Argomento questo che potrebbe essere affrontato in sede regionale per una modifica di questa parte di normativa attraverso l’autorevole impegno delle associazioni di categoria promotrici del convegno. Altri argomenti trattati hanno spaziato dalla gestione economica e finanziaria agli aspetti legali dei B&B, dalle normative ambientali alla presentazione di corsi di inglese e di conoscenza turistica del territorio che si terranno a breve per meglio attrezzare l’offerta di chi gestisce questo genere di ospitalità apprezzata soprattutto dai turisti stranieri.

24 febbraio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi