Economia

Per le imprese CdO la Cina è vicina

Da sinistra i direttori Giudici, Macchi e Franzosi

Si svolgerà nella megalopoli di Shanghai, il 25 e 26 giugno, il Matching Cina, una finestra su uno dei mercati più ricchi di opportunità e di business. Una manifestazione alla quale parteciperanno 150 imprese italiane targate Compagnia delle Opere (ma non solo). Un modo per conoscere un mercato importante, e per farsi conoscere, incontrando rappresentanti delle imprese e del mondo istituzionale. L’incontro è stato lanciato ieri presso la sede CdO di Varese, ma un analogo incontro verrà replicato nelle sedi CdO di Busto e Saronno.

Una scelta, quella dell’organizzazione del Matching Cina, che arriva dopo la positiva esperienza, lo scorso anno, vissutaa Mosca. Come spiega Franco Macchi, direttore CdO Altomilanese, “porteremo almeno una ventina di imprese del nostro territorio a Shanghai, che potranno così conoscere da vicino uno dei mercati iper-emergenti del mondo”. Un viaggio che, tuttavia, come chiarisce Juri Franzosi, direttore CdO di Varese, non è un invito a delocalizzare attività in quello che è quasi un continente per i suoi  numeri. “Puntiamo su prodotti d’eccellenza. E mentre prima si poteva pensare a delocalizzare in quanto là c’era una situazione arretrata, ora invece, con i passi da gigante che ha fatto la Cina, si apprezzano i prodotti italiani”.

Ma il vero cuore dell’iniziativa, quello che batte nel viaggio in Cina, è il “fare sistema”, valorizzando l’esperienza di chi, in Cina, c’è già e conosce bene quel mercato. “Come accade in generale nelle nostre iniziative – spiega Armando Giudici, direttore CdO di Saronno -, anche in Cina valorizzeremo le relazioni che sono già in atto in quel Paese, e certamente questa iniziativa potrà tornare utile sia a chi per la prima volta arriva là, sia per chi, invece, è da tempo presente in Cina”.

L’obiettivo di conoscere la Cina, dunque, è quello a cui si rivolge questa proposta, che viene valutata positivamente da chi, come Massimo Locarno, cootrdinatore delle attività internazionali di CdO Saronno, partecipò al Matching Mosca. “Portiamo là le nostre imprese, ma anche il loro alto livello tecnologico, che tuttavia è legato anche ad un vissuto storico, ad una tradizione di fare impresa che certamente sono assai apprezzati”.

La “missione” in Cina, verrà preceduta, il 22 e 23 maggio, da Start2Match, un evento internazionale che si rivolge alle Pmi italiane e si svolge a Lugano. In collaborazione con lo Swiss Business Group, l’iniziativa, come rimarca Franzosi, “si colloca nel solco di un rinato interesse della Confederazione elvetica per le nostre realtà imprenditoriali. Ma anche per muoversi oltre confine occorre fare squadra, conoscere il mercato, distinguere opportunità e insidie”. L’altra faccia, insomma, del contrasto sui lavoratori frontalieri: qui non c’è alcun conflitto, ma un’attenzione reciproca e un comune interesse al business.

20 febbraio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi