Varese

Presidio anti-Cava. Politici Pd, Sel e leghisti al gazebo

Il gazebo dell'associazione Acquaria

Gazebo all’imbocco di Corso Matteotti a Varese dell’associazione Acquaria per ribadire le ragioni del no alla controversa Cava Nidoli-Italinerti. Un punto informativo che propone ragioni e motivi di allarme ai cittadini varesini mentre tutti sono in attesa della scelta che farà Regione Lombardia, di fronte all’ampia richiesta di cittadini e associazioni di stralciare la cava dal Piano cave del Pirellone. L’associazione che ha promosso l’iniziativa nel centro di Varese è una delle 47 associazioni varesine che chiedono lo stralcio della cava dal Piano regionale.

In pochi minuti al gazebo, dove gli aderenti all’associazione volantinavano ai cittadini, sono giunti Luisa Oprandi, consigliere comunale del Pd, Alessandro Alfieri, consigliere regionale del Pd, Rocco Cordì, consigliere comunale di Sel, Marco Pinti, segretario cittadino della Lega Nord, Maria Ida Piazza, assessore comunale di Varese. Uno schieramento bi-partisan preoccupato per le ricadute della riapertura della cava di Cantello.

Come dicono gli organizzatori del gazebo, “i due terzi dell’acqua della città di Varese arrivano da questa valle. Permettere le escavazioni esporrebbe le falde acquifere ad un inaccettabile rischio di inquinamento e non permetterebbe  di aprire nuovi pozzi per 10-12 anni”. A riprova delle loro tesi, gli organizzatori rinviano alle dichiarazioni presenti in un filmato di You Tube di William Malnati, presidente Aspem.

Su un cartello, sono state affisse le multe elevate nel Comune di Cantello contro la cava.

La Regione Lombardia ha annunciato che la decisione finale sullo stralcio verrà presa entro pochi giorni. Auspichiamo che la volontà dei cittadini venga rispettata e che l’acqua di Varese venga salvaguardata. Ci auguriamo che la Collina dei tra Scali non venga deturpata nel nome del profitto economico perchè se fosse il sì a vincere il territorio di Varese subirebbe un danno economico ed ambientale inestimabile.

18 febbraio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi