Cultura

Il Sardella “ciclostinato” richiama tanti lettori

Sardella legge alcuni suoi versi al Circolo "L'Avvenire"

Una serata davvero speciale, quella di ieri al Circolo “L’Avvenire” di Sant’Ambrogio a Varese, con tanti amici e tanti lettori che hanno festeggiato l’uscita dell’ultimo libro del poeta e pittore Sandro Sardella. Il suo “Carte ciclostinate”, pubblicato dalla casa editrice abrigliasciolta, ha richiamato tanti alla presentazione: amici operai, amici delle Poste, amici tout court, poeti e curiosi. Un’occasione, anche per lo stesso autore, di fare il punto su una ricerca ultradecennale sul segno, sia in poesia che in pittura.

Come ha ricordato Sardella, il libro consente di ripercorrere una lunga parabola, che parte dagli anni in fabbrica alla Gilera Piaggio di Arcore, giunge agli anni di lavoro alle Poste, con un’esperienza di Rsu, approda ad una impegnativa presenza, negli ultimi anni, sui fronti della poesia, dell’arte, della traduzione, della critica d’arte. A suggerire chiavi di lettura del volume, Gisa Legatti, che ha sottolineato il “lato umano” della produzione di Sardella, Gian Marco Martignoni, dirigente Cgil, che ha analizzato la “eccedenza di senso” di un mondo del lavoro che non si esaurisce nei tempi del lavoro, Andrea Giacometti, direttore di Varesereport, che ha rimarcato la centralità del confronto con le istanze creative del Settantasette.

Ancora pià interessante il dibattito seguito agli interventi in programma. Ex colleghi di lavoro, amici poeti come Gaetano Blaiotta, lettori sono intervenuti per evocare esperienze culturali, politiche, lavorative. Sardella ha letto alcune sue composizioni poetiche, rivelando che, infine, per lui, la scrittura (e la pittura) è stata un antidoto all’alienazione del lavoro e alla pressione dell’economia sulla vita. Un modo che gli hanno consentito, come ha detto un collega di Sardella, di “alzare gli occhi al cielo”.

8 febbraio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Il Sardella “ciclostinato” richiama tanti lettori

  1. riccardo chisari il 9 febbraio 2012, ore 09:57

    Sardella è sempre Sardella
    PANE POESIA E SARDELLA !!!

Rispondi