Regione

Disagi pendolari, il Pd alza il tiro su Cattaneo

“A nome di tutti i pendolari lombardi chiediamo all’assessore Cattaneo di venire in Commissione territorio a riferire in merito ai pesanti disagi che gli utenti del servizio ferroviario regionale hanno dovuto subire in questi giorni”. E’ la richiesta che i consiglieri regionali del Pd Stefano Tosi e Agostino Alloni rivolgono all’assessore regionale ai trasporti Raffaele Cattaneo destinatario di un’interrogazione che verrà depositata oggi in Regione.

“Da dieci giorni l’Italia è interessata da un’ondata di maltempo eccezionale da tempo annunciata – dichiarano Tosi e Alloni – ma questo non può giustificare l’assoluta inadeguatezza del servizio ferroviario lombardo, già solitamente al di sotto degli standard, ma messo ko dal maltempo”.

Nel documento i due esponenti del PD puntano il dito contro Trenord rea di essersi attivata “in netto ritardo, solo il 6 febbraio, per far fronte alla gelata distribuendo liquido antighiaccio sui treni regionali. Ma ormai un terzo delle soppressioni si era già verificato. Anche in altre regioni si sono registrati importanti disagi alla circolazione ferroviaria però sono stati riconosciuti gli errori di gestione, ad esempio in Piemonte è stato annunciato un mese di abbonamento gratuito per ricompensare i pendolari”.

E qui in Lombardia? Cosa si è deciso durante il vertice convocato il 6 febbraio tra Trenord, i gestori della rete (RFI e Ferrovie Nord) Protezione Civile e Regione?. Proprio su questi quesiti viene interrogato Cattaneo: “Innanzitutto – precisano – vorremo avere un quadro generale delle soppressioni e dei ritardi registrati su tutte le linee lombarde nei mesi di gennaio e febbraio e conoscere il reale stato del materiale rotabile dopo la forte nevicata della scorsa settimana. Ma soprattutto quello che sta più a cuore ai pendolari: vogliamo conoscere i provvedimenti che Trenord intende mettere in campo per ridurre al minimo i disagi e andare incontro agli utenti ad esempio garantendo a tutti i pendolari lombardi l’abbonamento gratuito per il mese di marzo o in subordine riconoscere agli stessi un bonus straordinario. Sarebbe una risposta concreta ai disagi patiti in questi giorni”.

8 febbraio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi