Busto Arsizio

Concerto a sostegno del Ponte del Sorriso insubrico

“Lasciamo un segno” era l’intento degli organizzatori del concerto che si è tenuto sabato sera a Busto Arsizio al teatro San Giovanni Bosco (nella foto). E così è stato. Per circa tre ore la musica ha vibrato di passione, colpendo il cuore dei numerosi spettatori presenti.

The Air, Giorni Infiniti e Phoenix On Fire sono i nomi dei tre gruppi di amici con un denominatore comune: l’amore per le più belle melodie degli anni 70/80. Nati in quegli anni, la vita li ha poi indirizzati verso altre scelte professionali fino a quando si sono ritrovati e hanno deciso di rimettersi in gioco, riproponendosi al pubblico in un concerto live per un grande obiettivo di solidarietà: sostenere il Ponte del Sorriso, il nuovo ospedale materno infantile di tutto il territorio della Regione Insubrica.

Tante le canzoni cantate, alcune delle quali insieme al pubblico. Un flusso continuo di emozioni, che hanno reso ancora più toccante l’intervento di Emanuela Crivellaro, quando ha spiegato la filosofia e le finalità del Ponte del Sorriso.

Una grande performance, da veri professionisti che ha scatenato applausi scroscianti e richieste di bis. Un successo, una vera sorpresa forse anche per loro stessi. Così Fausto, Silvano, Marco, Egidio, Gianni, Massimo, Maurizio, Adriano, Fabio, Michele, Sacha hanno davvero lasciato un segno, il segno di chi ha messo la propria vena artistica naturale al servizio dei bambini in ospedale.

5 febbraio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi