Varese

“Giù al Nord”, un confronto per rottamatori e non

Alessandro Alfieri

Parla di una “nuova fase politica che si è aperta con il governo Monti”, Alessandro Alfieri, vicesegretario regionale del Pd e consigliere al Pirellone. “Stiamo assistendo ad una vera e propria deflagrazione del centrodestra – continua Alfieri, che questa mattina, al Teatro Santuccio di Varese, insieme ad Andrea Civati, ha presentato la kermesse ‘Giù al Nord’ -, con due fenomeni simultanei: la crisi del Carroccio, che non ha portato a casa il federalismo, e il formigonismo, impigliato nelle inchieste giudiziarie e nel conflitto permanente con i leghisti”. Ecco allora che arriva “Giù al Nord”, un incontro in programma a Varese, al Santuccio, sabato 28 gennaio, a partire dalle 10 e fino alle 17.

Una grande kermesse organizzata da “Varese in Europa”, l’associazione di Alfieri, e “Prossima Italia”, la realtà di riferimento dei rottamatori. Alfieri punta a non irrigidire troppo, in termini partitici, la manifestazione che vedrà alternarsi ospiti illustri. “Non vogliamo che sia esclusivamente un appuntamento targato rottamatori Pd – continua Alfieri -, dato che parteciperanno sì militanti e dirigenti Pd, ma anche esponenti del mondo della cultura, del sociale, dell’economia, gente non isscritta ai poartiti. Un dibattito aperto, in cui non faremo solo critiche, ma avanzeremo anche proposte”. Alfieri, insomma, non vuol fare il talebano-anti Carroccio. “La Lega è partita da domande giuste, ma ha dato risposte sbagliate”. Il problema vero, secondo il consigliere regionale, è quello di portare il Nord, che resta locomotiva economica del Paese, nelle condizioni in cui possa rispondere alla sfida dei partner europei.

Ecco il programma completo:

9,30

Registrazione dei partecipanti.

10,00

Introducono Andrea Civati (Prossima Italia) e Tommaso Valle (Presidente ViE- Varese in Europa).

10,15

“C’è ancora una questione settentrionale?” Introduce Fabrizio Taricco (Segretario provinciale Pd), con Aldo Bonomi (sociologo, Aaster), Dario di Vico (Corriere della sera), Maurizio Martina (Segretario regionale Pd Lombardia) Giorgio Gori e Laura Puppato (Capogruppo Pd Regione Veneto).

11,15

“La maschera di Bossi” Lynda Dematteo (antropologa, studiosa della Lega).

11,30

“Il federalismo al tempo della crisi” con: Marco Alfieri (La Stampa), Enrico Borghi (Vice Presidente ANCI), Alessandro Cé (ex- assessore alla sanità della Regione Lombardia), e Marco Stradiotto (Senatore Pd, Commissione Bicamerale per l’attuazione del federalismo).

12.30 Interventi del pubblico

Pausa pranzo

14,00

Stefano Catone presenta “Il dossier Nord”.

14,15

“Ambiente e Territorio” con Eugenio Comincini (Sindaco Cernusco sul Naviglio), Dino De Simone (Presidente Legambiente Varese) e Paolo Pileri (docente urbanistica, Politecnico Milano).

14.45

“Nuovo modello di convivenza” di Ilda Curti (Assessore Comune di Torino) .

15,00

“Economia e liberalizzazioni” con Enrico Corali (Presidente Banca Legnano, esperto di servizi pubblici locali), Marco De Allegri (Architetto) e Filippo Taddei (Assistant Professor Collegio Carlo Alberto)

15,30

“Fenomenologia del leghismo” di Cristina Giudici (giornalista de “Il Foglio”, autrice di libri sulla Lega e il nord) .

15,45

Question time su “Le sfide del nord per uscire dalla crisi”. Rispondono alle “interrogazioni” di amministratori e rappresentanti del territorio, Giuseppe Bonomi (Presidente SEA), Sergio Chiamparino (già Sindaco di Torino) e Michele Graglia (vice-Presidente Confindustria Lombardia).

17,00

Conclusioni di Alessandro Alfieri e Pippo Civati (Consiglieri regionali Pd, Regione Lombardia)

25 gennaio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a ““Giù al Nord”, un confronto per rottamatori e non

  1. giancarlo il 29 gennaio 2012, ore 20:03

    BEN VENGA UN PD FEDERALISTA DECENTRATO DALLA CASTA ROMANA,MA DITE PURE A CHI A INVITATO GORI DI PUNIRSI DA SOLO E CHE IL NOSTRO PARTITO NON E’ UN ALBERGO PER I PENTITI.
    CIAO A TUTTI.

Rispondi