Regione

Ex Wagon lits, il Pirellone porta avanti l’accordo

Gli effetti dell’accordo sottoscritto in Regione Lombardia il 30 dicembre scorso produce i primi effetti concreti per la ricollocazione dei 152 lavoratori ex Wagon lits rimasti senza un impiego. Le scadenze e gli impegni contenuti nell’accordo verranno rispettati: la prima già dal 31 gennaio quando 45 lavoratori verranno assunti dalla Angel Service per il servizio notte. Lo hanno comunicato oggi gli assessori regionali Raffaele Cattaneo (Infrastrutture e Mobilità) e Gianni Rossoni (Istruzione, formazione e lavoro) al termine del tavolo di monitoraggio che si è riunito oggi a Palazzo Lombardia.

“Per Regione Lombardia come per gli altri firmatari – ha detto l’assessore Cattaneo -, l’accordo sottoscritto è serio e produce i suoi effetti concreti. Abbiamo di fronte una soluzione precisa al problema di tutti i 152 lavoratori lombardi della ex Wagon Lits rimasti senza un impiego in Lombardia. I fatti sono più testardi delle parole: a chi chiedeva lavoro abbiamo tempestivamente. qualcun altro, usando il tema del lavoro strumentalmente per chiedere altro, non ha fatto altrettanto”. “Questo tavolo è l’applicazione positiva del metodo lombardo della concertazione – ha aggiunto l’assessore Rossoni – è la concreta attuazione  dell’accordo approvato circa un mese fa sulle politiche attive in cui abbiamo chiesto alle imprese che generano gli esuberi di individuare le società che possano riassorbire gli esuberi”.

Entro il 31 gennaio verranno assunti i 45 lavoratori per i quali si era impegnata Angel Service: 12 di questi per attività a bordo treno a Milano, 28 a bordo treno a Bologna e altri 5 sempre a Bologna per attività di allestimento vetture e sede di lavoro. Su questi primi 45 Angel Service sta continuando la verifica dei profili professionali e si è impegnata a rispettare la scadenza al 31 gennaio. “Abbiamo anche chiesto a Trenitalia – ha spiegato l’assessore
Cattaneo – di rendere più agevole lo spostamento da Milano a Bologna offrendo ai lavoratori la possibilità di utilizzare il trasporto ferroviario”.

Entro questa scadenza Trenord avrebbe dovuto verificare se c’erano fino a 20 lavoratori che potessero essere assunti direttamente e altri 10 per il service come manutenzione di Trenitalia cargo. Trenord ha comunicato di avere  selezionato 22 persone: 19 per fare i capotreni e addetti ai varchi e tre per attività di manutenzione. “Tutti contratti a tempo indeterminato – ha evidenziato Cattaneo – con soluzioni migliorative rispetto a quelle precedenti”. Al 31 marzo c’era anche la scadenza dei 5 lavoratori in capo ad Atm: “Abbiamo preso atto con rammarico -  ha detto l’assessore Cattaneo – che Atm non si è presentata al tavolo. Non vorremmo dover pensare che qualcuno  sia bravo solo a fare proclami di solidarietà e di sostegno a parole e poi  si tiri indietro quando si tratta di onorare questi impegni con fatti concreti”.

Le altre scadenze sono state fissate al 31 maggio e al 31 settembre e riguardano i 35 lavoratori a carico delle imprese che gestiscono appalti Trenitalia e 25 di Rfi.  A questo riguardo Trenitalia  ha informato che procederà entro la metà di febbraio alla selezione dei profili idonei dei 60 lavoratori e
ha consegnato il percorso professionale che deve essere oggetto di un adeguato percorso di formazione che la Regione si è impegnata a sostenere.

25 gennaio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi