Varese

Prosa all’Apollonio, ecco gli spettacoli più “cliccati”

La compagnia del "Sogno di una notte di mezza estate"

C’è la crisi, i tagli del governo, il futuro incerto. Ma gli spettacoli di prosa al Teatro Apollonio continuano ad andare forte. Certo, anche a Varese non mancano i fans dei musical, le opere, i balletti, ma la prosa resta tra le proposte preferite.

“Nonostante la crisi – dice il direttore dell’Apollonio, Filippo De Sanctis – la prosa resta un punto fermo nel cartellone. E continua a destare interesse e curiosità, con tanti biglietti già acquistati nel corso della prevendita”. I numeri parlano chiaro. Se guardiamo due spettacoli di pregio, quasi delle “chicche”, per ragioni diverse, della stagione teatrale, si capisce bene il successo che registra la prosa: mercoledì prossimo, 25 gennaio, ci sarà uno Shakespeare molto originale, “Sogno di una notte di mezza estate”, con la regia di Gioele Dix e attori comici come interpreti (oltre alla mitica coppia Petra Magoni e Ferruccio Spinetti), uno spettacolo che ha già venduto 740 biglietti. Oppure: per un super-classico come la Medea di Euripide, in cartellone il 9 febbraio, con la grande Pamela Villoresi, sono già stati venduti 732 biglietti. Anche “Ebrei e Zingari” con l’attore yiddish Moni Ovadia, in teatro il 28 per il “Giorno della Memoria”, si difende bene: oltre 500 venduti.

Spettacoli magari più impegnativi, più innovativi, ma che incontrano i gusti del pubblico di Varese. Certo, i musical vanno sempre benone (basti pensare che il musical “Peter Pan” si sta avvicinando al sold out), ma anche Shakespeare, i tragici greci, il teatro civile vanno forte. “Un fenomeno interessante – continua De Sanctis -, che corre parallelo ad un’altra tipologia “emergente”: il family show, cioè uno spettacolo che, sì, è rivolto soprattutto ai più piccoli, ma che per la sua qualità può essere accattivante anche per il pubblico dei papà e delle mamme”. Una proposta, quest’ultima, che De Sanctis ha “esportato” anche alla stagione del Condominio a Gallarate.

23 gennaio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi