Varese

Stati generali del turismo, è in arrivo il nuovo Pst

Paola Della Chiesa

Arriva buon’ultima, la nostra provincia, a confezionare un nuovo Piano di sviluppo turistico (PST) che la Regione impone come condizione per accedere ai finanziamenti relativi ai sistemi turistici. Sistema turistico che, nel caso della Provincia di Varese, si chiama Varese Land of Tourism. Questa mattina, presso Villa Recalcati, si è svolta un’assemblea relativa al piano che programma le linee d’azione dei prossimi quattro anni. Presenti i rappresentanti di istituzioni, associazioni ambientaliste, enti sociali e culturali.

Un’iniziativa che, a nome della Provincia, viene seguita dall’Agenzia provinciale del Turismo, una realtà che, come dice il direttore Paola Della Chiesa, “si occupa di promozione”. Un’attività quanto mai evanescente, difficile da tradurre in risultati concreti che, peraltro, nella nostra provincia, non sembrano ancora tradursi in convincenti “segni più” quanto ai turisti presenti e, soprattutto, in strutture e infrastrutture più adeguati ad una provincia turistica. Soprattutto, non è chiaro quanto la nostra provincia abbia scelto davvero, come sua vocazione, il turismo. Se si parla con gli operatori economici della nostra provincia, a dire una cosa del genere, come minimo si mettono a ridere.  

La Della Chiesa spiega che l’Agenzia che dirige si limita a seguire la preparazione del Piano di sviluppo turistico, e questo in collaborazione con le forze operanti sul territorio. “In 15 mesi di lavoro, abbiamo raccolto 300 progetti”, dice la Della Chiesa. Tra questi, anche la navigabilità del Lago di Varese, e poi i mulini, la gastronomia e altro ancora. Quanto, invece, alla Vas (Valutazione ambientale strategica), questa viene seguita da un gruppo di lavoro diretto dall’ingegnere Landonio (Assessorato Territorio della Provincia) in collaborazione con la Regione. Come dice la Della Chiesa, il piano dovrebbe prendere corpo tra giugno e luglio, dunque in tempo per partecipare ai prossimi bandi, che arriveranno a settembre.

18 gennaio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi