Varese

Casbeno in allarme: abbattuti alberi a Villa Recalcati

Si abbattono gli alberi a Villa Recalcati

Nelle prime ore del mattino, dei varesini sono stati svegliati da rumori di seghe elettriche e tonfi di alberi. Ancora increduli, si sono trovati di fronte ad un disboscamento che avanzava a tempo di record. Un evento accaduto in un bosco lontano dalla città? Un fatto avvenuto in una radura isolata? No: tutto questo è accaduto nel parco di Villa Recalcati, nel cuore di Casbeno. Un episodio davvero incredibile.

Casbeno è in allarme: da questa mattina una squadra di operai sono all’opera per disboscare gli alberi che sorgevano davanti alle Serre di Villa Recalcati, la sede della Provincia e della Prefettura. Vittime di questi lavori una quercia, due betulle e altre piante. Tutto tagliato per fare partire il cantiere di un parcheggio multipiano che sorgerà nell’area contigua, che affaccia su via Daverio. Un’azione veloce, che ha colto i cittadini di Casbeno in contropiede. Tra l’altro, c’è chi nota che è impossibile fare i rilievi sugli alberi abbattuti, dato che tali alberi (radici comprese) sono immediatamente stati triturati.

A questo punto è legittimo chiedersi: chi ha autorizzato i lavori? Gli assessori provinciali (Specchierelli) e comunali (Clerici) competenti erano al corrente di questo disboscamento selvaggio? Domande che risuonano in un giorno in cui la Rete sta riempiendosi di messaggi contro questa azione che rende Varese ancora meno città giardino.

16 gennaio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Casbeno in allarme: abbattuti alberi a Villa Recalcati

  1. alex il 17 gennaio 2012, ore 09:21

    vergogna, un altro parcheggio a casbeno per gli utenti delle ferrovie nord ..a pagamento vergogna .

  2. Rosa. C il 17 gennaio 2012, ore 17:45

    Certo che costoro erano al corrente, le domande di abbattimento saranno state presentate da un funzionario provinciale alla tutela ambiente di via Copelli comune di Varese. Assessore Clerici, tecnico Cardani, che immediatamente ed in modo ossequiente hanno aderito alla richiesta.Piu’ che tutela ambiente il binomio e’ SEGA L’AMBIENTE

Rispondi