Como

Detenuto tenta suicidio a Como. 66 i suicidi nel 2011

Ancora un tentato suicidio nelle carceri italiane, a confermare un fenomeno esteso ed allarmante. Un detenuto cinquantenne italiano ha cercato di suicidarsi questa mattina nel carcere di Como, fermato prima che si riuscisse ad impiccare in cella, situata nella ‘sezione protetti’ del carcere.

Il detenuto è infatti considerato ‘sex offender’ per il reato compiuto. Sempre nel penitenziario comasco, tra ieri e oggi, sono scoppiate due risse tra detenuti marocchini, in cui e’ rimasta ferita una guardia penitenziaria, come comunica il Sappe (Sindacato Autonomo di Polizia Penitenziaria).

Ancora una volta, dunque, il sovraffollamento e il degrado delle carceri italiane fa notizia. Nell’anno appena concluso, nelle carceri italiane sono morti 186 detenuti: 66 i casi di suicidio (età media vittime 37,8 anni) , 23 morti per cause ancora da accertare con indagini in corso; 96 per cause naturali e una vittima di omicidio dietro le sbarre. In base a questi dati diffusi dalle associazioni Ristretti Orizzonti, Antigone, A Buon Diritto per “fermare la strage nelle carceri italiane” c’è una correlazione tra le morti, e in particolari i casi di suicidio tra i detenuti, e il sovraffollamento nei penitenziari.

Dei 66 casi di suicidi, 45 sono italiani, 21 stranieri. Gli uomini sono 64, due le donne. Ventotto delle vittime erano condannate con sentenza definitiva: 27 in attesa di primo giudizio: 3 i condannati in primo grado: 8 in misura di sicurezza detentiva. Il metodo utilizzato è stato l’impiccagione per 44 persone, inalazione di gas per 12 (da bomboletta butano), avvelenamento per 6 (con farmaci, droghe, detersivi, etc.), soffocamento per 4 (con sacco infilato in testa, etc.). La loro posizione giuridica era di condannati con sentenza definitiva in 28 casi, attesa di primo giudizio per 27, condannati in primo grado per 3, misura di sicurezza detentiva in 8 casi.

Il tasso medio di sovraffollamento a livello nazionale del 150% (circa 68.000 detenuti in 45.000 posti). In tutti gli Istituti nei quali si è registrato più di un suicidio nell’anno 2011 il tasso di sovraffollamento risulta essere superiore alla media nazionale. In particolare si segnala il carcere di Castrovillari (Cs), con 2 suicidi su “soli” 285 detenuti presenti e una media del 217% di affollamento.

3 gennaio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi