Busto Arsizio

Carabinieri di Busto, controlli e arresti a Capodanno

In occasione della notte di Capodanno i militari della Compagnia Carabinieri di Busto Arsizio hanno intensificato i servizi di prevenzione impiegando una quarantina di militari specificamente dedicati. L’attenzione è stata posta nel controllo alla circolazione stradale ed agli esercizi pubblici, tra cui bar, pub e ristoranti, nonché, stazioni ferroviarie, parchi pubblici e tutti i luoghi ove poteva verificarsi una certa concentrazione di persone per festeggiare l’arrivo del nuovo anno.

Le attività svolte hanno portato alla denuncia in stato di libertà di tre persone: il primo a Cassano Magnago, dove un ventenne italiano, incensurato, è stato deferito per detenzione fini di spaccio di sostanze stupefacenti poiché trovato in possesso di 250 gr. di marijuana, 15 gr. di hashish un bilancino di precisione e circa 300 euro in contanti, provento dell’attività di spaccio; il secondo denunciato è un ecuadoregno di 35enne, residente a Cassano Magnago, trovato in possesso di un coltello a serramanico; il terzo episodio è accaduto a Busto Arsizio, riguarda un cittadino albanese, irregolare in Italia, sorpreso alla guida di un’auto da parte dei militari del Nucleo radiomobile, ha esibito una patente di guida falsa ed un passaporto falso e, sottoposto accertamento con alcool-test, è risultato positivo.

L’episodio più rilevante è accaduto a Lonate Pozzolo, presso il ristorante Grillo Brillo, dove un cittadino tunisino, 35enne, residente a Ferno, già conosciuto per numerosi precedenti, in particolare per reati contro la persona, verso le ore 05.30 della mattina, quando ancora nel locale erano presenti alcuni avventori, impegnati nei festeggiamenti, è entrato nel locale, ove si trovava la sua fidanzata, una ragazza italiana residente a Lonate Pozzolo. L’uomo, in evidente stato di alterazione per ragioni ancora da chiarire ha iniziato a discutere con i titolari ed i clienti, alzando la voce e minacciandoli. Successivamente ha tirato fuori una pistola per dare maggior peso alle sue minacce. A quel punto le persone presenti hanno chiamato la Centrale Operativa che in breve tempo ha fatto convergere sul posto diverse pattuglie. I militari intervenuti hanno così potuto bloccare l’uomo a terra, non prima che questi si fosse scagliato contro i militari, con calci e pugni, cercando anche di nascondere la pistola dietro un cespuglio. Bloccato e portato in caserma a Busto Arsizio, l’uomo è stato arrestato per minaccia aggravata, resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale e possesso di arma alterata, una scacciacani a cui era stato tolto il tappo rosso.

Il secondo arresto riguarda un uomo di 29 anni, residente in provincia di Pescara: l’uomo, con la propria fidanzata aveva deciso di trascorrere in un albergo della zona la notte di capodanno, ma a seguito della registrazione dei documenti alla reception ed il conseguente loro controllo in banca dati, sul suo conto è risultato essere pendente un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emanata dal Tribunale di Pescara sin dal febbraio del 2009, per ripetute violazioni dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. L’uomo è stato quindi rintracciato presso l’albergo dove stava festeggiando e, a conclusione delle verifiche, condotto presso il carcere di Busto Arsizio.

Complessivamente sono state di 200 le persone identificate ed una novantina i mezzi controllati, una ventina di contravvenzioni elevate per violazioni al Codice della Strada per circa trenta punti patente sottratti..

 

2 gennaio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Carabinieri di Busto, controlli e arresti a Capodanno

  1. cittadinosuperpartes il 4 gennaio 2012, ore 15:10

    Ottimo lavoro, un grazie al Comando Carabinieri e a tutti i militi che hanno operato come sempre con professionalita’ e alto senso del dovere.

Rispondi