Politica

E il Carroccio paragona Napolitano a Cetto la Qualunque

Davvero poche le voci fuori dal coro nei giudizi espressi dal mondo politico e sindacale nei confronti del discorso di ieri sera del presidente Giorgio Napolitano. Duro, al limite del vilipendio, invece, il giudizio pronunciato dalla Lega di lotta, che ha paragonato il discorso di Napolitano ad un intervento da”Cetto la Qualunque”, il popolare personaggio del politico creato dal comico Antonio Albanese. Lo dice l’ex ministro Roberto Calderoli:  ”Sembra il discorso di Cetto la qualunque, un messaggio tratto dal film Qualunquemente. Per contenuti ricorda la conferenza del premier Monti: libro dei sogni con tanti luoghi comuni”.

Plauso del presidente del Senato, Renato Schifani (discorso “alto, realista, coraggioso e onesto, istuzionalmente impeccabile”), e assolutamente positivo anche il giudizio del presidente della Camera Gianfranco Fini: “il suo apello non cadrà nel vuoto perché gli italiani riconoscono in lui una guida morale”. Berlusconi ha chiamato il Capo dello Stato per fargli gli auguri. Il presidente del Consiglio Mario Monti ha ringraziato il Capo dello Stato per avere dato al governo buone indicazioni di lavoro e per aver detto ai cittadini a cosa sono finalizzati gli sforzi che vengono richiesti.

Discorso giudicato positivamente anche da Di Pietro (Idv): “Condivisibile dato che ha parlato delle cause che hanno portato a questa crisi economica e istituzionale”. Il segretario Pd Bersani diochiara che “bisogna corrispondere a quel richiamo con giustizia, solidarietà e con coraggio”. Positivo il commento anche dal Pdl. Per Alfano, “le sue parole evocano la forza di un Paese che ancora una volta è chiamato a risollevarsi con il contributo di tutti: partiti, forze sociali, rappresentanti del mondo del lavoro, istituzioni”.

“Forte apprezzamento” viene infine dal segretario della Cgil Susanna Camusso, che ha sottolineato positivamente il passaggio sul ruolo “essenziale dei sindacati nello sviluppo del Paese nei momenti più difficili”.

1 gennaio 2012
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi