Regione

Accordo Wagon Lits, Cattaneo alza il tiro sulla Cgil

Accordo sottoscritto dopo oltre 13 ore di trattativa in Regione Lombardia per il ricollocamento dei 152 lavoratori della ex Wagon Lits. All’incontro di ieri, convocato dagli assessori regionali Raffaele Cattaneo (Infrastrutture e Mobilità) e Gianni Rossoni (Istruzione, Formazione e Lavoro) hanno preso parte i rappresentanti sindacali di CGIL, CISL, UIL, UGL e Fast ferrovie, il Gruppo delle Ferrovie dello Stato, Trenord e le aziende Wasteels e Angel Service. Gli unici a non aver sottoscritto l’intesa che garantisce nuove opportunità di lavoro sono state le sigle sindacali CGIL e Fastferrovie.

“Abbiamo scritto nero su bianco un accordo serio e concreto – ha affermato l’assessore Cattaneo – che permette il riassorbimento di tutti i 152 lavoratori lombardi rimasti senza un impiego, alcuni dei quali con contratto a tempo indeterminato già a partire dal 31 gennaio 2012″. “Questa vicenda – ha ricordato Cattaneo – non riguardava direttamente Regione Lombardia, ma non potevamo rimanere indifferenti davanti a una situazione di allarme sociale. Sorprende che la CGIL, dopo aver partecipato al tavolo fino alla fine, non poi abbia sottoscritto un accordo che nei fatti risolve il problema della disoccupazione di questi lavoratori.
Probabilmente il loro non è stato un lavoro dettato dall’interesse di reimpiegare i lavoratori, ma da motivazioni di altra natura”.

“Con questo accordo – ha evidenziato Rossoni – siamo riusciti a trovare una soluzione per 152 cittadini che avevano già in tasca la lettera di licenziamento, realizzando in maniera concreta gli impegni presi da Regione Lombardia in termini di politiche attive per la tutela del lavoro”. “Si tratta di un’intesa – ha continuato Rossoni – che definirei pilota. E’ prevista infatti una verifica trimestrale della sua attuazione, e fornisce una risposta concreta, in un momento di
crisi economica, a lavoratori, e dunque famiglie, in difficoltà. A tutti i lavoratori, infatti, nel periodo in cui non avranno un lavoro, garantiremo l’80 per cento dello stipendio attualmente percepito”.

Al momento il piano prevede che: 45 lavoratori siano assunti a tempo indeterminato entro il 31 gennaio 2012 da Angel Service per l’esercizio del servizio notte
(accompagnamento a bordo treno e mantenimento del decoro e della pulizia); 35 lavoratori siano assunti a carico delle imprese che gestiscono appalti per conto di Trenitalia per attività di pulizia decoro e micromanutenzione; 25 lavoratori siano a carico delle imprese che gestiscono appalti per conto di RFI per le Sale blu, pulizia decoro e manutenzione delle stazioni; 30 lavoratori a carico di Trenord siano assunti entro 31 marzo 2012 per manutenzione, personale di bordo e assistenza passeggeri; 5 a carico di ATM entro il 31 marzo 2012 per le manutenzioni. Per i 16 lavoratori di RSI la soluzione verrà individuata in sede nazionale nell’ambito del percorso già avviato con il ministero dello Sviluppo economico relativo alla garanzia di continuità dell’appalto per i lavoratori del servizio
manutenzione. I lavoratori che entro il 2012 potranno essere in condizione di accedere alla pensione saranno trattati con idoneo percorso di accompagnamento.

31 dicembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi