Varese

Presepe Vivente, 450 piccoli scout grandi protagonisti

Il momento finale del Presepe Vivente

Un’edizione del Presepe Vivente davvero eccezionale, questo “Adeste Fideles”: a dare vita al tradizionale evento di Natale collegato all’Avsi, a Varese certamente uno dei più belli e suggestivi eventi natalizi, sono stati 450 ragazzi scout del gruppo Aggs Varese 2, che si sono mossi sul palco allestito davanti alla Basilica di San Vittore come veri professionisti. Battute sicure, movimenti misurati, scene di gruppo calibrate come un orologio. Una scelta non facile, quella del regista Andrea Chiodi, di affidare tutti i ruoli ad attori non professionisti e, perdippiù, di giovanissima età. Una vera scommessa assolutamente vinta.

La centralissima piazza varesina si è riempita completamente, prima i posti a sedere e poi tutt’attorno alle transenne, un grande afflusso per un grande spettacolo popolare. Prime file occupate dai vip della politica, dal sindaco Attilio Fontana all’assessore regionale Raffaele Cattaneo. Ma è stata soprattutto la tanta gente comune che ha assistito e applaudito questa sacra rappresentazione, a caratterizzare l’evento.

Una storia di ragazzi, amici e compagni di giochi. Una storia che, tra giochi e scherzi quotidiani, finisce per incontrare la lieta Novella. La vicenda che, incredibile a dirsi, vede un bambino che è il Figlio di Dio nascere in una piccola grotta a Betlemme piuttosto che in un bel palazzo di Gerusalemme. Una storia difficile a credersi, per un bambino che non vuole uscire dalla sua vita fatta di certezze e di piedi per terra. Non potrà che cedere ad un popolo intero che si riunisce nel nome della Natività, e che riuscirà a conquistare anche il suo cuore incredulo: grande il suo stupore davanti al Bambino che nasce, ai grandi del tempo, i Re Magi, che giungono a rendere omaggio, la grande stella cometa che giunge sulla facciata della basilica. Un cammino non semplice, non immediato, fatto di tanti no, di tanti dubbi, ma che alla fine cambierà la vita del ragazzo.

Al termine della Natività, e dopo i tanti applausi ricevuti dai ragazzi e dal regista Andrea Chiodi, il vicario episcopale monsignor Luigi Stucchi e il prevosto di Varese monsignor Gilberto Donnini, sono saliti sul palco per fare gli auguri di Natale e benedire i tantissimi varesini intervenuti all’evento.

- FOTOGALLERY

23 dicembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi