Varese

Pd: Clerici è troppo nostalgico. Si dimetta subito

L'assessore Stefano Clerici

Le “esternazioni” dell’assessore alla Tutela Ambientale, il piediellino Stefano Clerici, in merito al divieto della Questura di consentire il gazebo di Casa Pound, stanno suscitando reazioni critiche nelle opposizioni. Dopo la richiesta al sindaco del consigliere comuale di Movimento Libero, Alessio Nicoletti, di “dimettere” Clerici, si è mosso anche il Pd, con una presa si posizione congiunta del segretario cittadino Roberto Molinari e del capogruppo in Consiglio comunale Fabrizio Mirabelli.

“L’Assessore del PDL Clerici, fino ad oggi, si è caratterizzato più per dichiarazioni “nostalgiche” . dicono gli esponenti del Pd – che per attività ed iniziative di competenza del suo assessorato, l’ambiente. Prima, con l’imposizione a chi non la pensa come lui della targa commemorativa del ministro fascista Giovanni Gentile. Poi, con la difesa dell’associazione Casa Pound cui la Questura ha vietato, per motivi di ordine e sicurezza pubblica, di fare un presidio in piazza Carducci”.

Continuano Molinari e Mirabelli: “Stucchevole ci è apparso il vedere ora che mentre la stessa associazione Casa Pound non contesta e non polemizza con la Questura di Varese per il divieto, il nostro, da Assessore al Comune di Varese, alza il tono e critica la decisione presa da una Istituzione a cui, anche lui dovrebbe maggiore attenzione”.

“Per quanto ci riguarda, pensiamo che se l’Assessore Clerici continua a preferire il “passato” ai compiti per i quali è generosamente pagato dai varesini – dicono i due esponenti democratici -  abbia di fronte a sé una strada molto semplice per potere dedicarsi, a tempo pieno, alla sua passione: rassegnare, immediatamente, le dimissioni dal suo incarico. Così facendo, forse, toglierebbe dall’imbarazzo anche il Sindaco Fontana a cui, le continue prese di posizioni di Clerici che nulla hanno a che fare con lo scopo per cui è stato nominato, i varesini imputeranno, primo o poi, l’incapacità di scegliersi collaboratori all’altezza del ruolo”.

 

 

 

16 dicembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi