Varese

Parcheggi, prove tecniche di nuova maggioranza

Ieri sera la Commissione 1 (Affari generali) ha affrontato il parcheggio multipiano previsto fra le vie Staurenghi e Sempione a Varese, un tema che sarà affrontato nella prossima seduta del Consiglio del 22 dicembre. Ieri sera i consiglieri si sono confrontati, più precisamente, su un atto d’indirizzo relativo al progetto che sarà realizzato e gestito dalla società totalmente comunale Avt. Hanno cercato, insomma, di mettere alcuni paletti circa questo progetto, pur senza entrare troppo nel merito delle caratteristiche del progetto. Si è parlato, in proposito, di “suggerimenti”, di “consigli”.

Un progetto che prevede una variante al Prg, possibile perchè la materia è di interesse generale. Tra le caratteristiche del parcheggio, alcune appaiono chiare: il parcheggio, gestito da Avt, sarebbe di due piani fuori terra (non è possibile interrarlo perchè sotto passa il Vellone), dovrebbe offrire circa 200 posti auto e dovrebbe tenere “calmierate” le tariffe. Un atto di indirizzo che, al termine della Commissione presieduta dal pidiellino Stefano Crespi, è stato approvato dalla maggioranza dei consiglieri. Nessun astenuto, contrari Cammerata (Movimento Cinque Stelle) e Imperatore (Udc).

Prima della Commissione si era svolta un vertice del Pdl con assessori per stabilire la linea. Su questo tema, in Commissione, ma c’è da credere anche in Aula la prossima settimana, si è registrata una convergenza Pdl-Udc. A tirare per primo il freno sul parcheggio, il commissario Udc Imperatore. “Si tratta dell’ennesimo intervento-spot – ha detto il capogruppo del partito di Casini -, che non si colloca in una strategia”. Poi Imperatore si è domandato perchè rispolverare il progetto dopo sei anni di congelamento, proprio a ridosso della discussione sul nuovo Pgt.  A dare man forte a Imperatore, anche il consigliere comunale Udc, Mauro Morello, che ha chiesto: “Prima decidiamo cosa fare del comparto in cui rientra il parcheggio, ma che vede anche la palazzina ex Asl e la sede dei Vigili urbani”.

Una posizione analoga è stata espressa da Stefano Crespi, consigliere piediellino di area ciellina. Il consigliere comunale ha sostenuto la necessità che Avt dia notizia al Consiglio del business plan, del piano di rientro, di come gestirà i posti auto. “Occorre rivolgere alla giunta – ha detto ancora Crespi - la richiesta di quale idea complessiva stia sotto questo progetto, come ha sostenuto Imperatore”. E’ risaputo che, soprattutto nell’area laica del Pdl, sia forte l’orientamento ad un intervento più ampio sull’area, non limitato al parcheggio.

Il consigliere comunale Moroni, capogruppo della Lega, invece, ha ribadito la necessità di partire dal progetto, da questo progetto. Posizione condivisa anche da Nicoletti (Movimento libero) e dal capogruppo Pd Mirabelli, che ha chiesto di inserire una non essenziale dichiarazione di conformità del progetto alla normativa regionale.

E’ da credere che, una volta che arrivasse sul tavolo il provvedimento, Lega e Pdl si orienterebbero diversamente, e nel caso si arrivasse a contarsi, il Pdl potrebbe godere della stampella dei due consiglieri Udc.

15 dicembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi