Varese

Un milione di credito, Varese farà causa allo Stato

Un milione di euro circa. A tanto ammonta il debito che lo Stato italiano o, meglio, il Ministero della giustizia, ha nei confronti del Comune di Varese che, in quanto capoluogo che è sede di tribunale, deve sostenere le spese del funzionamento del palazzo di giustizia. Diversi i capitoli di spesa: dal riscaldamento alle spese telefoniche e al servizio di vigilanza (non invece la carta e le spese di cancelleria). Spese certe, rimborsi incerti. Ora il Comune ha detto basta, seguendo quello che è sempre stato un cavallo di battaglia del sindaco di Varese Attilio Fontana.

Come spiega l’assessore alla Sicurezza, il leghista Carlo Piatti, “lo Stato riconosce il rimborso di una percentuale delle spese sostenute, ma la cifra cambia di anno in anno”. Sì, perchè dipende dalle disponibilità finanziarie del ministero. “Per quanto riguarda il periodo 2004-2008 – contintnua l’assessore Piatti - non abbiamo ancora ricevuto il totale di ciò che costitituisce il nostro credito”. E quanto al “dopo”, il Comune ancora non sa quanti soldi arriveranno.

A questo punto, nel pomeriggio di oggi, la riunione della giunta Fontana ha acceso il semaforo verde di un approfondimento a  carico dell’ufficio legale del Comune: che dovrà capire in base a quali criteri vengano stabiliti i rimborsi. “Sappiamo quanto spendiamo – rimarca Piatti – senza sapere quanto ci verrà restituito”. E poi l’ufficio legale comunale dovrà stabilire quale sia il giudice (civile o amministrativo) nel caso il Comune decida di andare in causa contro il ministero.  Una volta approfondite queste cose, il Comune deciderà se fare partire una diffida, come base su cui poi fare causa allo Stato. Una scelta che verrà presa nei prossimi mesi.

 

 

13 dicembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Un milione di credito, Varese farà causa allo Stato

  1. Michele Prenna via Facebook il 13 dicembre 2011, ore 20:10

    bah, un’articolazione dello stato che cita in giudizio lo stato….le cause, salvo eccezioni e al di là del merito, mi sembra costino e durino parecchio tempo…chi pagherà per questa?

Rispondi