Varese

L’unificazione delle stazioni ricompatta Pdl e Lega

Dopo le dure polemiche che, nelle scorse settimane, hanno diviso il centrodestra varesino, con attacchi soprattutto nei confronti dell’assessore all’Urbanistica, il leghista Fabio Binelli, soprattutto provenienti dal Pdl laico, ora tutto appare più tranquillo. Anzi, addirittura le polemiche sembrano essere state sepolte. Lo dicono, in un comunicato congiunto, sempre molto raro da queste parti, la Segreteria cittadina del Pdl, la Segreteria cittadina della Lega Nord, il Gruppo consiliare del Pdl e il Gruppo consiliare della Lega Nord. Un comunicato che, a dire il vero, è probabilmente stato oggetto di una lunghissima mediazione, dato che si riferisce ad un confronto di maggioranza che si è svolto ben una settimana fa, lunedì scorso.
Dopo che nessuno, per settimane, era sceso in campo a difesa dell’assessore leghista all’Urbanistica, ora tutto appare capovolto. E facendo il punto su uno dei grandi progetti per Varese, il progetto delle stazioni unificate, si fa riferimento al semaforo verde dei gruppi di maggioranza alla “puntuale illustrazione del progetto “rivisitato” fatta dall’assessore Fabio Binelli”.
Continua il comunicato targato centrodestra cittadino: “Il prossimo 15 dicembre verrà ufficialmente presentato il nuovo
masterplan dell’intervento; il progetto ha già ottenuto il benestare di tutti i livelli politici coinvolti”. La maggioranza rimarca come “l’assessore Binelli ha con soddisfazione dato atto che sono state accolte quelle modifiche  ritenute necessarie rispetto al primo masterplan anche alla luce delle mutate condizioni economiche generali e di quelle del mercato immobiliare; Binelli ha confermato la volontà dell’Amministrazione cittadina di vedere realizzato un progetto meno impattante, ma non meno qualificato”.

Tra le opere previste, un nuovo edificio a servizio dei viaggiatori e la creazione di uno spazio pubblico importante che potrà svolgere funzioni diversificate a servizio della comunità; è stata contenuta in 12 milioni di euro il costo per interventi
ferroviari ed in 30 milioni quello per interventi di riqualificazione delle aree pubbliche di comparto.

“E’ altresì prevista – continua il comunicato congiunto – la valorizzazione di aree  private limitrofe che potranno completare un intervento che ha l’obiettivo di rendere Varese non più una fermata di testa, ma una tappa internazionale. Non ultimo, è opportuno rammentare che tra gli interventi previsti vi sono quelli tendenti a riunificare le due parti della città di fatto da sempre separate dalle stazioni attraverso la realizzazione di nuovi percorsi pedonali e carrai”.

Un vertice, quello di lunedì scorso, che sembra avere rappacificato la maggioranza, almeno quella cittadina. Vedremo se sxarà davvero così. E non c’è da attendere tanto: è sufficiente attendere la prima seduta del Consiglio comunale del nuovo anno quando, per esplicita richiesta del capogruppo Pdl, Grassia, sarà all’ordine del giorno il controverso Pgt.

12 dicembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti a “L’unificazione delle stazioni ricompatta Pdl e Lega

  1. giulio moroni il 12 dicembre 2011, ore 19:27

    Desidero osservare che il comunicato stampa non è stato frutto di alcuna “lunga mediazione” così come maliziosamente supposto dal commentatore. Il progetto, per come rivisitato, ha soddisfatto pienamente i due gruppi di maggioranza che avevano fin dall’inizio condiviso quelle che erano le perplessità dell’assessore BInelli sulla fattibilità dell’originario impianto.
    Ciò non toglie che quanto presentato sia comunque un intervento di prestigio, molto interessante per la nostra città che ne benficerà sia in termini di godimento dei servizi, che per la creazione di infrastrutture dedicate sia al privato che al pubblico.
    giulio moroni

  2. Maria il 13 dicembre 2011, ore 02:18

    Con le albe chiare che ci attendono taluni inseguono desideri e sogni dai costi impensabili. Vivono su questo pianeta?

  3. Mario Martone via Facebook il 13 dicembre 2011, ore 12:31

    Dal grafico pubblicato da altro sito sembra di capire che la nuova stazione unica dovrebbe prendere il posto dell’attuale parcheggio a sud della stazione FNM. Se è previsto un parcheggio interrato sotto la stazione ok altrimenti non si capisce dove troveranno posto le attuali auto. Se non è previsto un parcheggio per le auto allora mi sembra un progetto un pò assurdo.

Rispondi