Milano

Trenord, parte “piano Marshall” per la manutenzione

Prosegue il progetto di estensione al turno notturno delle attività di manutenzione dei treni, il cosiddetto progetto “deposito esteso”. Dopo gli impianti di Lecco, Cremona, Iseo, Novate, anche a Milano Fiorenza da domenica 11 dicembre la manutenzione dei treni sarà suddivisa nelle 24 ore su tre turni.

Questo è stato reso possibile dalla rettifica quest’oggi di uno storico accordo firmato tra Trenord e le organizzazioni sindacali che ha portato l’azienda da maggio ad oggi ad assumere 250 persone di cui 68 , tutte tra i 24 e i 29 anni, che si occuperanno di questo progetto a Fiorenza.

I nuovi assunti avranno il compito di lavorare sulla manutenzione ordinaria, il decoro e di verificare l’efficienza dei mezzi. “Un accordo storico, innovativo e unico nel suo genere, il primo di questo genere in Italia – ha dichiarato Giuseppe Biesuz, amministratore delegato di Trenord -. Quello firmato oggi per l’estensione alle ore notturne dei lavori di manutenzione ai treni nell’impianto di Milano Fiorenza è stato reso possibile anche grazie alla collaborazione delle organizzazioni sindacali. Permetterà – ha poi proseguito – di aumentare il numero dei treni che ogni giorno vengono mantenuti all’interno del deposito e di conseguenza l’efficace delle azioni di manutenzione e pulizia dei convogli. Ancora una volta emerge – ha infine concluso l’AD – l’impegno dell’azienda per migliorare il trasporto pubblico lombardo e di conseguenza la qualità del viaggio dei nostri clienti”.

L’estensione della manutenzione nelle ore notturne del deposito di Milano Fiorenza rientra nel più ampio progetto predisposto dall’azienda che prevede l’introduzione del lavoro notturno, l’assunzione e la formazione di nuovo personale e la sua dislocazione nei diversi impianti

Dal 2010 molte delle attività di manutenzione ‘semplice’ (quella che rimedia a guasti riguardanti, ad esempio, l’illuminazione o le spie, gli alto parlanti a bordo treno, le porte, il riscaldamento o l’aria condizionata) possono essere svolte durante le ore notturne, direttamente nel posto in cui riposano i mezzi, in modo da garantire la completa funzionalità dei treni in partenza al mattino. Per questo progetto di ‘deposito esteso’ sono stati allestiti 8 presidi (Bergamo, Seveso, Milano Garibaldi, Gallarate, Novara, Pavia, Como,Brescia,) oltre ai 5 già esistenti (Cremona, Lecco, Iseo, Novate, Fiorenza).

Un vero e proprio piano Marshall per la manutenzione che ha permesso ad oggi l’assunzione di 250 persone e che per il 2012 ne prevede ulteriori 250.

9 dicembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi