Varese

A Varese si punta sul biofix per vincere lo smog

Nonostante l’allarme diffuso tra i cittadini, i picchi di pm10, l’allerta più volte rilanciata dalle associazioni ambientaliste, le annunciate misure anti-smog oggi sono state discusse nella riunione di giunta, ma poi sono state rinviate.

A guardare l’ordine del giorno della giunta comunale, a dire la verità non erano previste, ma di loro, come conferma l’assessore alla Tutela ambientale, Stefano Clerici, tra assessori (assente il sindaco) se ne è parlato. Poi nulla, tutto è stato rinviato ad una delle prossime sedute. E, per quanto riguarda il blocco del traffico, addirittura a gennaio, febbraio, marzo.

“Abbiamo portato le proposte, sono state discusse, le abbiamo condivise, ma abbiamo deciso di riaggiornarci a martedì prossimo”. Motivo? “E’ necessario un passaggio dagli uffici finanziari, dato che le misure comportano spese”, spiega Clerici. Comunque non si è ravvisata un’urgenza da fronteggiare subito. “D’altra parte – continua Clerici – abbiamo visto a Milano: il blocco del traffico non serve a nulla, se non a livello educativo, e infatti lo abbiamo rinviato a gennaio. Non crediamo che si debba affrontare lo smog con strumenti propagandistici”.

Quanto alle misure, oltre alle domeniche ecologiche, il Comune sta pensando ad una sostanza blocca-polveri sottili. ”Sì, e da questo punto di vista abbiamo già concluso un accordo con Aspem spa – spiega l’asessore alla Tutela ambientale del Comune -. Daremo vita ad una sperimentazione con un liquido che si chiama Biofix. Di notte i mezzi Aspem lo spalmeranno sulle strade più trafficate del ring cittadino, e questo liquido tratterrà al suolo le polveri sottili”.

Quanto al summit con i Comuni dell’area omogenea, che ieri è andato deserto in via Copelli, Clerici sostiene che occorre un’inversione di tendenza rispetto al passato. “In passato a questo tavolo si è fatta molta filosofia e poche cose concrete. C’è dunque parecchia diffidenza da parte dei sindaci. Ma ora le cose cambieranno. Abbiamo già convocato un’altra riunione il 14 dicembre”.

6 dicembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi