Varese

Commercianti, ipotesi di uno sciopero fiscale anti-Comune

Piazza Repubblica a Varese

Il problema è passato sotto silenzio, e anche alcuni media lo hanno volutamente ignorato. Eppure il problema di non avere la pista del ghiaccio in piazza Repubblica non è solo un dettaglio di un Natale d’austerity, ma è l’ennesimo freno inserito in città da un conflitto nella maggioranza. In questo caso tra l’assessore leghista Ghiringhelli, che guida la Promozione del territorio, e Di Ronco, presidemte pidiellino della Pro Loco di Varese, che può organizzare la cosa, ha in mano i contatti con gli sponsor, ma è stato stoppato dal Comune.

Naturalmente a fare le spese di questo progressivo blocco della città, dal Pgt al cartellone natalizio, sono come sempre i cittadini e i commercianti. La pista del ghiaccio saltata e le luminarie che si fermano sulla soglia di piazza Repubblica, al termine di via Manzoni, sono state la proverbiale goccia che ha fatto traboccare il vaso. E che ha fatto infuriare il responsabile del Coordinamento dei commercianti di piazza Repubblica, Massimo Rovera, che punta il dito sul Comune. “E’ ora di finirla con questi tira e molla, siamo poi noi a rimetterci. Come nel caso di piazza Repubblica: alla fine non arriva la pista per l’ennesimo scontro tra Lega e Pdl”.

In effetti, la zona di piazza Repubblica resta una delle zone morte della città. Dopo tante promesse di videosorveglianza, di mirabolanti progetti per la sicurezza, la piazza resta uno dei punti critici della città. Anche al buio, come è accaduto per giorni in cui si erano spente le luci, quelle normali, sulla piazza. “Come coordinamento dei commercianti - insiste Rovera -, stiamo ragionando, con l’assistenza di avvocati, di promuovere una class action contro Palazzo Estense. E non escludiamo neppure di vagliare anche una scelta di non pagare balzelli comunali e provinciali come arma di pressione e forma di protesta per spingere l’amministrazione cittadina a riaccendere i riflettori su questa parte della città dimenticata”.

 

5 dicembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi