Varese

Una Carmen in technicolor apre la stagione all’Apollonio

La Carmen interpretata dal soprano Seon Yung Pak

E’ partita la stagione operistica al Teatro Apollonio di Varese con la “Carmen” di Georges Bizet nella versione proposta dal Teatro dell’Opera di Milano, con la regia di Mario Migliara e la direzione d’orchestra di Claudio Morbo. Una partenza col botto, dato che si tratta di un’opera tra le più passionali e drammatiche. Non è stato dunque un caso che si sia aperta con un grande drappo rosso, con un grande taglio al centro.

E proprio sui colori, ha puntato Migliara per questa versione “cromatica” della Carmen. Rosso, arancione, giallo, blu, rosso-passione, arancione-creatività, giallo-ambiguità, blu-amicizia. Colori che dilagano sul palco grazie al fondo scena che muta colore a seconda del momento dell’opera. E come già accadeva in altre opere passate dall’Apollonio, anche in questa elementi simbolici invadono la scena: è il caso della grande ragnatela, che rimanda al progressivo, torbido rapporto tra Carmen e Don José.

Quanto agli interpreti, si sono segnalate per bravura e forza vocale le due protagoniste femminili: la Carmen interpretata dal soprano Seon Yung Pak e la Micaela proposta dal soprano Tiziana Scaciga Della Silva. Meno significativo è apparso in scena il protagonista maschile, che impersonava Don José, portato a Varese dal tenore Giovanni Ribichesu.

Una proposta che ha visto molto entusiasmo in sala, ma che ha segnato anche un’importante novità: come si spiega efficacemente nel programma di sala della Carmen, la direzione artistico-musicale del Teatro dell’Opera di Milano è stata assunta dal Teatro Smeraldo. Dice Migliara: “Vogliamo avvicinare un pubblico differente e nuovo all’opera lirica, al sinfonico e il Teatro Smeraldo è, proprio per la sua natura non istituzionale, la sede migliore per poter  raggiungere con immediatezza comunicativa questo obiettivo”.

 

 

4 dicembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Una Carmen in technicolor apre la stagione all’Apollonio

  1. Mirella il 6 dicembre 2011, ore 17:19

Rispondi