Varese

Parcheggi al Sacro Monte, un piano a due velocità

L'assessore Cattaneo illustra a Varese il piano parcheggi al Sacro Monte

La firma ufficiale sarà il prossimo giovedì 22 dicembre, quando le parti in causa sottoscriveranno la soluzione dell’annoso problema dei parcheggi al Sacro Monte di Varese. Forse la cornice potrebbe essere la stessa montagna sacra tanto amata dai varesini, forse già innevata. I contenuti di quell’accordo sono stati discussi, questa mattina, presso la sede varesina del Pirellone: presenti l’assessore Cattaneo per la Regione, l’assessore Galparoli per la Provincia, il vicesindaco Baroni per il Comune.  E poi, ancora, don Angelo Corno, parroco del Sacro Monte, Ivo Bressan per gli Amici del Sacro Monte, Sergio Giorgetti per la Fondazione Paolo VI per il Sacro Monte, un rappresentante del Ministero dei Beni Culturali.

Nessuna paura, non si prepara nessuna colata di cemento, nessuna mega-parcheggio in cima al Sacro Monte dietro l’angolo. L’assessore regionale Raffaele Cattaneo spiega: ”Miglioreremo l’accessibilità al Sacro Monte con parcheggi meno impattanti, con l’obiettivo di sgomberare progressivamente dalle auto la Via Sacra”.  Si parte con un primo intervento, più snello, senza Vas e o, che partirà dopo l’accordo. Un intervento che prevede un parcheggio alla Prima Cappella, 120 posti auto (rispetto ai previsti 210) su due piani interrati. In cima al borgo, invece, l’accordo prevede tre parcheggi più piccoli, ognuno di 30 posti auto: uno sarà realizzato da un privato per i residenti, in via del Ceppo, vicino al cimitero, uno sorgerà alle pizzelle e uno nella via che arriva al Mosè grazie allo spazio che i residenti lasceranno libero. Tempo previsto, 12-18 mesi. Costo 2 milioni, di cui la Regione garantisce il 50%, mentre il resto sarà assicurato dagli altri enti.

Tuttavia si è ben distanti, con questi parcheggi, dal garantire i 360 nuovi posti auto necessari al Sacro Monte, almeno secondo quanto appurato dagli studi fatti. Con i parcheggi citati si giunge a quota 210. Come ha rimarcato Cattaneo, è prevista una seconda fase, in cui si tornerà a valutare le altre ipotesi di parcheggio sul tavolo: quello di piazzale Montanari, al Vellone, sotto piazzale Pogliaghi. Per questa seconda fase, più complessa, serviranno almeno cinque anni di lavoro.

Mandato definitivamente in soffitta, invece, il parcheggio, caldeggiato dalla Fondazione Paolo VI, che doveva sorgere laddove sorgeva la pizzeria alla Prima Cappella: l’acquisizione dell’area comporterebbe 2 milioni di euro e poi si dovrebbe realizzare la demolizione. Progetto troppo costoso e su cui sono stati sollevati dubbi di compatibilità con l’ambiente circostante da parte del Ministero dei beni culturali.

Infine un servizio di navetta renderà pià facile raggiungere il Sacro Monte con i mezzi del trasporto pubblico: la navetta porterà, nei giorni festivi e nei mesi estivi, alla funicolare o direttamente al Sacro Monte. Una navetta partirà inoltre dalla piazza dello Stadio Ossola. Allo studio anche un biglietto unico per utilizzare i treni e poi la navetta.

2 dicembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi