Varese

Pgt e piazza Repubblica, ancora scontro in Consiglio

Piazza Repubblica a Varese

Pgt e piazza Repubblica ancora nell’occhio del ciclone, ieri sera, al Consiglio comunale di Varese. Durissimo l’attacco che, all’inizio della seduta, parte dai banchi del Partito democratico contro la giunta Fontana e, in particolare, contro l’assessore all’Urbanistica, l’assessore leghista Fabio Binelli. Un tema che da giorni continua ad attirare l’attenzione dei media locali.

Immobilismo e mancata approvazione del Pgt, sono stati al centro dell’intervento del capogruppo Pd, Fabrizio Mirabelli. “Prima l’ex vicesindaco Ermolli ha parlato di lavori ancora al palo, poi il capogruppo Pdl Grassia ha paventato il rischio di un immobilismo totale. Ciò significa – ha concluso Mirabelli – che una parte autorevole della maggioranza nutre le nostre stesse perplessità”. Mirabelli ha accusato la giunta di avere “accumulato un enorme ritardo”. Di fronte agli scontri interni alla maggioranza rispecchiati dai media, il capogruppo del Pd si è domandato se “esiste ancora una maggioranza”.

Piazza Repubblica e nuovo teatro sono stati i temi di attacco per il consigliere democratico Andrea Civati, componente della Commissione Urbanistica, che ha rimarcato le diverse opinioni in merito di sindaco e assessore all’Urbanistica. “Divergenza di opinioni o di informazioni”. Valutazioni diverse espresse a mezzo stampa, che hanno portato Civati a chiedere se esista ancora “un rapporto fiduciario” tra sindaco e assessore.

Sulle diverse procedure che si possono adottare per la riqualificazione di piazza Repubblica e la realizzazione del nuovo teatro, ha preso la parola l’assessore all’Urbanistica Binelli, che ha chiarito la legittimità della variante al Prg tramite una proceduta semplificata con l’obiettivo di realizzare opere pubbliche, sia per quanto riguarda il teatro, sia per quanto riguarda le volumetrie relative ad abitazioni private o commerciali da realizzare. “Questa lettura dell’Amministrazione comunale è stata difesa dal sindaco, e ha alle spalle una valutazione positiva da parte degli uffici legali della Regione”. Altra modalità è quella di un Accordo di programma, una procedura suggerita, invece, dalla Provincia di Varese.

Dirimente, nell’intervento dell’assessore, la componente commerciale presente nel progetto. “Se la componente commerciale supererà i 2500 metri quadrati, allora sarà obbligatorio seguire la procedura dell’Accordo di programma; se invece questa componente sarà più ridotta, allora si potrà rinunciare all’Accordo di programma”.

Al momento, dunque, non sarebbe chiaro quanto peso avranno gli spazi commerciali nel progetto di riqualificazione di piazza Repubblica, e dunque non sarebbe chiaro neppure quale sia la procedura da seguire. Un progetto dai contorni non chiari, su cui restano sospesi interrogativi e dubbi.

1 dicembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi