Varese

Alle Ville Ponti Lindhe, “guru” delle malattie dentali

Dino Azzalin

Congresso dell’Associazione italiana odontoiatri in provincia di Varese alle Ville Ponti di Varese, sabato 3 dicembre, con il titolo “Dalla parodontite alle perimplatiti: lo stato dell’arte”. Un importante appuntamento organizzato d’intesa con la Cao (Commissione Albo Odontoiatri) di Varese e con i patrocini dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, dell’Università dell’Insubria, dell’Aidi (Associazione Igienisti Dentali Italiana). Atteso un ospite internazionale dal nome prestigioso, il professore svedese Jan Lindhe (Università di Goteborg), ricercatore e relatore di fama mondiale, il quale terrà una “lectio magistralis”  sullo stato dell’arte della moderna parodontologia e implantologia endo-ossea, con i relativi stati terapeutici. Una branca che rappresenta l’ultima frontiera per curare chi si è ammalato di parodontite (piorrea) e ha perso i suoi denti naturali. Sui temi del congresso è previsto anche gli interventi di altri due esperti italiani, Denis Cecchinato e Andrea Parpaiola.

A spiegare il momento di confronto in programma a Varese, è il presidente dell’Albo Odontoiatri e dell’Associazione italiana odontoiatri in provincia, Dino Azzalin. “Credo che sia un’ occasione imperdibile per la professione e per la città di Varese – dichiara l’organizzatore del congresso varesino -, per confermare quel che è stato e che è, in questi anni, la provincia e cioè uno dei poli più attivi in fatto di scientificità e di appuntamenti delle varie discipline mediche d’Italia e soprattutto della Lombardia”.

“Da parte nostra – continua Azzalin – ci aspettiamo condivisione e partecipazione, in modo tale da rendere più importante il convegno, perché molti professionisti varesini praticando queste due branche, la parodontologia e l’implantologia, rendano omaggio a chi in tutto questo ha speso la vita. L’Aio (Associazione Italiana Odontoiatri) che promuove l’evento coi patrocini del Comune e della Provincia Varese, uniti a quello dell’Università dell’Insubria, con la Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO) e l’Associazione Igienisti Dentali, ritiene di offrire alla comunità scientifica di Varese una buona occasione per curare meglio i propri pazienti”.

“Il valore aggiunto delle nostre proposte culturali – conclude Azzalin - non può che tradursi, da parte di chi ne è partecipe, in un miglioramento della salute orale dei pazienti, con quel rigore condiviso che contraddistingue il servizio della categoria del sindacato Aio, al servizio della cittadinanza. Tutto ciò nell’ambito dell’aggiornamento professionale, di quell’Educazione Continua in Medicina che costituisce un punto cardine irrinunciabile del nostro Ministero della Salute”.

30 novembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi