Varese

A Varese Maroni se la prende con la nuova “Triplice”

Maroni in Comune con il sindaco Fontana

Roberto Maroni torna in politica da ex ministro. E lo fa rilanciando un Carroccio di lotta, contro tutto e contro tutti. A partire dai vecchi alleati. “L’alleanza con il Pdl è formalmente terminata quando la Lega è passata all’opposizione di questo governo”. Un governo “che doveva fare presto e ancora non ha varato le misure contro la crisi economica, una cosa incredibile”. E per il futuro? “Le alleanze future vanno pensate, nulla è scontato per la Lega”.

Una Lega che, continua l’ex ministro dell’Interno, per quanto riguarda il futuro, “ha davanti un foglio bianco, che va ancora scritto”. Lo inizierà a scrivere domenica prossima, 4 dicembre, al parlamento padano che si riunirà a Vicenza. Per ora è chiaro solo che il Carroccio farà opposizione dura nei confronti della nuova maggioranza, quella formata da Pdl, Pd e Udc: “La nuova Triplice che ha dato vita a questo governo”.

Duro il compito di Maroni: ridare fiducia ad un partito che dà la fondata sensazione di tirarsi fuori dai giochi nel momento più difficile del Paese, non condividendo così le misure impopolari che saranno varate contro la crisi e nel disperato tentativo di recuperare consensi elettorali. E questo mentre all’interno del Carroccio continua sotterranea la guerra in vista della successione a Bossi, con Maroni che si pone sempre più come punto di riferimento di una vasta area del partito. Insomma, una vera e propria corrente, che darà molto filo da torcere ai nemici del Cerchio magico.

28 novembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti a “A Varese Maroni se la prende con la nuova “Triplice”

  1. Nicola il 29 novembre 2011, ore 07:47

    Maroni parla di “future alleanze” ed allora mi chiedo chi sarà così avventato da pensare di allearsi con i leghisti.

  2. El Grinta il 29 novembre 2011, ore 11:23

    Speranza vana quella di Maroni. La lega ormai ha dimostrato la sua totale inefficacia, sia sul piano locale ( guardate Varese ) che su quello nazionale.
    e’ l’alleato debole di ogni governo del quale ha fatto parte, senza riuscire ad incidere, e nei momenti di difficoltà sottraendosi a tutto e tutti senza coraggio.
    La lega all’italiana … non ci piace.

  3. Secondo Tranquilli il 29 novembre 2011, ore 12:22

    Furbetti i leghisti: dopo anni in cui hanno digerito di tutto, poltrone comprese, ora si rifanno una verginità. Ma il buon senso?

  4. ester il 29 novembre 2011, ore 18:03

    Perfetto quello che ha detto El grinta.La lega è totalmente inefficace e con una gran faccia tosta,x non dire molto altro che ho già scritto tante volte.Perfino Berlusconi sembra dimostrare ora,nella grave e difficile situazione in cui siamo,tratti di dignità e responsabilità,sarà x interesse ma almeno lo fa.

Rispondi