Varese

Filmstudio rende omaggio a Scola, regista “militante”

Il regista Ettore Scola

Dopo la lunga intervista di ieri sera alla trasmissione “Che tempo che fa” condotta da Fabio Fazio, questa settimana anche Varese rende omaggio al maestro del cinema italiano, Ettore Scola. Più precisamente, sarà la ricca rassegna ideata da Filmstudio 90, “Un posto nel mondo”, giunta alla sua decima edizione, che con una vera e propria “chicca” ricorderà e farà un omaggio al regista.

In occasione della sua riproduzione in dvd, a Filmstudio si potrà vedere, giovedì 1 dicembre, alle ore 21, presso Filmstudio, il film realizzato da Scola nel 1973, “Trevico-Torino, viaggio nel Fiat-Nam”, un filmetto che fu prodotto da Unitelefilm, piccola casa di produzione legata all’allora Pci, che racconta la vicenda di un immigrato che da Trevico (Avellino), luogo di nascita dello stesso regista, con la valigia in spalla approda nella nordica Torino per andare a lavorare alla Fiat.

Il film è stato girato in 16 millimetri e rappresenta un vero e proprio film militante, che poco dopo l’autunno caldo intendeva documentare la fase dell’immigrazione dal Sud e la metamorfosi che tale fenomeno produsse nella classe operaia, che ebbe modo di svecchiarsi e in parte mettersi in contrasto con le stesse organizzazioni tradizionali dei lavoratori. Un film che andrebbe letto in simultanea con un romanzo di Nanni Balestrini, “Vogliamo tutto”, uscito nel 1971 e relativo alle lotte in Fiat.

27 novembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi