Varese

Ieri flash mob anti-Gentile promosso dall’Anpi

Al gazebo dell'Anpi di piazza Monte Grappa

Prima un presidio e poi un movimentato flash mob hanno rilanciato, ieri, a Varese, nella centralissima piazza Monte Grappa e successivamente in Corso Matteotti, la mobilitazione contro i giardinetti intitolati dalla giunta Fontana al filosofo e ministro fascista Giovanni Gentile. Occasione della manifestazione, la giornata nazionale per il tesseramento Anpi. Ma a Varese questa occasione è diventata un momento di riflessione sul grave errore compiuto dal Comune di Varese con un’intitolazione che ha suscitato sdegno e rifiuto da parte di un ampio strato di varesini.

Prima le dure parole pronunciate da Angelo Chiesa dell’Anpi, che ha stigmatizzato la scelta di dedicare uno spazio pubblico a Gentile, autore di una riforma della scuola che ha enfatizzato differenze sociali e culturali. Soprattutto Chiesa ha ricordato come lapidi e cippi sono stati dedicati a Varese a patrioti caduti per la causa della libertà.

Al termine dell’intervento, i partecipanti alla manifestazione hanno dato vita in Corso Matteotti ad un flash mob davvero teatrale: i partecipanti che ricordavano diritti e libertà venivano imbavagliati fino al momento in cui il silenzio finiva per essere dominante. A quel punto, nel silenzio che si era creato, l’attrice Jane Bowie pronunciava un discorso di taglio fascista e razzista. Ma liberatisi del bavaglio, i partecipanti tornavano a scandire frasi favorevoli alla libertà e alla democrazia. E, soprattutto, contro i giardinetti intitolati a Gentile.

Flash mob antifascista che ha suscitato attenzione e curiosità da parte dei tanti varesini che passeggiavano in centro. Diverse le domande e le informazioni richieste sia al gazebo dell’Anpi, sia ai promotori del flash mob.

21 novembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi