Economia

Whirlpool, prosegue la trattativa. E il Pd interviene

Nel corso dell’incontro tra Whirlpool e le organizzazioni sindacali tenutosi nel pomeriggio di oggi presso l’Unione Industriali di Varese, il colosso multinazionale, pur confermando la chiusura della linea Side by Side, ha risposto positivamente alla richiesta di ieri del sindacato proponendo un piano di chiusura delle linea Side by Side graduale e progressivo nel corso dei prossimi 18/21 mesi (seconda metà del 2013).

Il fattore tempo è infatti rilevante per moderare l’immediato impatto sociale e poter identificare opportunità di riallocazione del personale all’esterno attraverso l’impiego di strumenti di vario tipo. L’azienda, nella confermata volontà di non procedere con modalità unilaterali nella gestione delle eccedenze, ha già proposto alcuni progetti di co-location (aziende terze che insediano le proprie attività all’interno di Whirlpool) che potrebbero materializzarsi nel breve termine riducendo l’impatto degli esuberi di circa 40/50 unità. Prossima tappa della trattativa il 22 novembre.

Intanti oggi la Federazione di Varese del Pd è intervenuta sulle trattative in corso tra le parti sociali e la direzione aziendale della Whirlpool. “Rimaniamo preoccupati per le notizie che prevedrebbero l’ipotesi di riduzione degli organici complessivamente di 600 dipendenti tra operai ed impiegati e per il rischio che un intero comparto della produzione della Whirlpool, il side by side, sia dismesso con il licenziamento di 250 persone che costituiscono un prezioso patrimonio per l’azienda”, dichiara il responsabile Economia e Lavoro del Pd provinciale di Varese, Emiliano Cacioppo. “Whirlpool deve continuare ad essere per il nostro territorio una risorsa su cui giocare lo sviluppo dell’economia provinciale. Per questo motivo, confermiamo che il PD, a tutti i livelli istituzionali, conitnuerà a seguire le trattative in corso, adoperandosi affinchè il piano industriale possa garantire investimenti economici ma anche tutele a favore dell’occupazione”.

18 novembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi