Economia

Pirellone in campo a difesa dei lavoratori Ims

“Lavoreremo per mantenere la produzione – e quindi l’occupazione – convocando, dopo la nomina del commissario, il tavolo istituzionale per offrire ogni supporto possibile”. Queste le conclusioni degli assessori regionali all’Istruzione, Formazione e Lavoro, Gianni Rossoni, e alle Infrastrutture e Mobilità, Raffaele Cattaneo, al termine dell’incontro con le rappresentanze sindacali dell’Ims di Caronno Pertusella, leader in Italia nella produzione e distribuzione di cd e dvd, i cui lavoratori da oltre due settimane hanno dato vita ad un presidio permanente davanti alla sede dell’azienda.

L’incontro con l’assessore Rossoni e l’assessore Cattaneo, coordinatore del tavolo territoriale di confronto di Varese, è stata l’occasione per un confronto con le parti sindacali, con l’obiettivo di valutare quali supporti concreti potranno essere utili a superare la crisi dell’azienda che proprio ieri ha portato i libri contabili in tribunale per la procedura di fallimento. Alla riunione erano presenti i rappresentanti dei sindacati A.L. Cobas-Cub, SLC CGIL e Uilcom UIL di Varese oltre ai tecnici dell’Agenzia Regionale per l’Istruzione, Formazione e Lavoro (ARIFL).

“Il fatto che i libri siano stati portati in tribunale – ha commentato l’assessore Rossoni – è un elemento di chiarezza”. “Dietro la crisi dell’IMS – ha sottolineato l’assessore Cattaneo – c’è un problema strutturale derivante dal calo drastico del mercato, precipitato di circa il 60%, ma non azzerato. Proprio perché la situazione che si è creata ha destato molto allarme non appena si insedierà il commissario fallimentare, vogliamo convocare un tavolo istituzionale per poter offrire il nostro  contributo e dare il nostro supporto concreto per la più rapida soluzione di una situazione di crisi che sta interessano 130 famiglie”.

I rappresentanti sindacali hanno commentato con soddisfazione l’incontro esprimendo apprezzamento per l’impegno di Regione Lombardia e la disponibilità ad intervenire per salvaguardare l’occupazione dei lavoratori.

18 novembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi