Varese

“Quelli di Grock” portano il bullismo in scena a Varese

Un momento dello spettacolo al Cinema Teatro Nuovo

La storia di due amici, che crescono insieme, sono compagni di classe, e poi, ad un certo punto, tutto si incrina tra di loro. Uno diventa la vittima e l’altro il carnefice. Un rapporto distorto e violento, che porta il più debole Biglia a sottomettersi all’aggressivo Rospo, a sua volta succube del più maturo e ripetente Robertino. Prima i due carnefici si limitano a chiedere a Biglia di passare i compiti, poi iniziano ad obbligarlo a rubare ai più piccoli a loro beneficio, infine lo costringono a consegnare loro un’amica a cui i due vogliono “fargliela pagare”. Un crescendo di sopprusi e violenze, nello spettacolo “Io me ne frego” della compagnia milanese Quelli di Grock, che porta gli spettatori ad entrare in una storia di bullismo tra adolescenti. Una storia che finisce con la ribellione della vittima che esce dal giro.

Una vicenda semplice e lineare, molto didascalica, molto pedagogica, scritta da Valeria Cavalli, che cura anche la regia insieme a Claudio Intropido, e interpretata efficacemente da Andrea battistella e Andrea Lietti, è andata in scena ieri sera al Cinema Teatro Nuovo per il cartellone “Note di scena”, rassegna promossa da Filmstudio 90. Scarso il pubblico adulto, mentre la sala si è riempita di ragazzi delle scuole al mattino. La messa in scena è il punto di arrivo di un lavoro che ha visto la partecipazione di una équipe scientifica composta dalla Asl di Milano e, in particolare, dal dottor Nicola Iannaccone, autore del libro “Stop al bullismo”, che ha seguito l’elaborazione del testo e lo sviluppo della messa in scena, collaborando attivamente con autori ed attori.

Lo spettacolo, calibrato sulle esigenze di un pubblico giovanile, scorre veloce, e si basa su un testo infarcito di “slang” giovanile, su una recitazione veloce e pirotecnica dei due protagonisti, su momenti divertenti relativi ad un prof, il professor Esposito, che viene mimato da uno degli interpreti. L’happy end mette la ciliegina sulla torta, ma nel complesso lo spettacolo offre molti spunti di riflessione.

17 novembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi