Varese

Polizia locale a caccia di permessi di falsi invalidi

Nell’ambito dei controlli che la Polizia Locale di Varese svolge quotidianamente per il rispetto delle norme che disciplinano l’utilizzo dei contrassegni invalidi, negli ultimi giorni il Comando ha portato a termine alcune indagini con risultati significativi.

Nel corso dell’ultimo periodo si è riscontrato che su alcune vetture, in sosta in alcune vie del centro cittadino, erano esposti contrassegni per la circolazione di persone invalide, per i quali vi era il dubbio non fossero regolari. Eseguiti accertamenti, indagini e controlli mirati si è riscontrato che su un’autovettura in sosta in Via Bagaini, era esposta una fotocopia a colori di un permesso. La contraffazione era di ottima fattura, del tutto simile all’originale e di difficile riscontro se non dopo un’attenta analisi: la falsificazione sarebbe potuta sfuggire ad una veloce verifica,  soprattutto con il permesso collocato all’interno di un veicolo dietro il parabrezza.

Eseguite le verifiche di rito e certi della contraffazione, si procedeva alla rimozione del veicolo in sosta, oltre tutto, in una casella riservata ai disabili e nel momento in cui il proprietario della vettura si portava presso il deposito per il recupero del veicolo, si aveva la prova che il contrassegno esposto fosse falso. Si procedeva al sequestro del permesso ed il conducente veniva deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato di contraffazione ed uso di atto falso.

Sono in corso ulteriori accertamenti in ordine all’utilizzo di alcuni permessi di libera circolazione e sosta rilasciati dal Comando, ma utilizzati impropriamente dai titolari o addirittura contraffatti, sebbene sia applicato sul medesimo tagliando un adesivo di sicurezza che permette di riscontrare molto più semplicemente la scansione o l’esecuzione di copie dall’originale.

Proprio nella mattinata di oggi, nelle zone limitrofe di piazza Monte Grappa, via Carrobbio e via Bernascone, sono state contestate due violazioni al Codice della strada per utilizzo improprio di due contrassegni invalidi da parte del conducente del veicolo, senza che il titolare del permesso fosse a bordo, cosicché da avere agevolazioni nella sosta.

Le indagini, che proseguiranno anche nei prossimi giorni con pattuglie dedicate, mirano a scovare chi utilizza in maniera scorretta i permessi rilasciati o sfruttare a proprio vantaggio le agevolazioni di transito e sosta concesse a determinate categorie di utenza.

16 novembre 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi